Archivi tag: enogastronomia

Norcia – 53° Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Nero Pregiato

Invito all'assaggio 6 bottiglie di Prosecco di Valdobbiadene Superiore DOCG con spedizione gratuita!

neronorcialogoNero Norcia, la più importante rassegna espositiva dell’agro-alimentare in Umbria torna per due weekend consecutivi, il 26-28 febbraio e il 04-06 marzo, per far scoprire e raccontare le eccellenze gastronomiche dei territori italiani attraverso i loro prodotti tipici.
Il protagonista indiscusso sarà ovviamente il tartufo nero, con incontri e degustazioni dedicate al “diamante nero” della tavola, ma anche le “Norcinerie”, antico metodo di lavorazione della carne di maiale, sapranno catturare l’attenzione e il palato di chi frequenterà la Mostra Mercato.
La manifestazione, durante i due weekend, ospiterà ospiti illustri, ma sicuramente il clou per il pubblico sarà rappresentato dagli espositori, provenienti da tutte le regioni d’Italia, che metteranno in mostra il gusto e la tradizione dei migliori prodotti della loro terra.
Ggli stand degli espositori saranno aperti durante i giorni di manifestazione dalla mattina alle 9 fino alla sera alle 20.
Il Tartufo Nero Pregiato (Melanosporum Vittadini), prodotto da cui prende il nome la manifestazione viene raccolto in zona dal 1 dicembre fino alla metà di marzo, per cui i tartufi freschi che verranno proposti alla manifestazione saranno tutti “appena raccolti”.
Norcia è la città prima in classifica per la produzione di questo tartufo nero che oltre ad essere il più pregiato sul mercato è il vero protagonista di molte ricette di cucina nazionale e internazionale.
Nonostante la sua raffinatezza e il suo prezzo non sempre abbordabile (che varia in funzione dell’andamento stagionale, dei quantitativi raccolti e della richiesta del mercato) viene comunemente usato per la preparazione di ricette tipicamente popolari come:
Antipasto di tartufo e parmigiano
Bruschette al tartufo nero pregiato
Crostini di Spoleto al tartufo nero
Spaghetti con il tartufo nero pregiato
Tagliatelle con tartufo e salsiccia al tartufo
Trota con salsa di tartufo nero
Agnello tartufato
Piccioni tartufati
Frittata al tartufo nero

Senza dimenticare l’Amaro al tartufo nero di Norcia, un vero e proprio must per gli amanti del diamante nero.

Per maggiori informazioni:
www.neronorcia.com

Vini Vigna Dogarina

IV edizione Sagra della Nocciola Mortarella – Taurano (AV)

Invito all'assaggio 6 bottiglie di Prosecco di Valdobbiadene Superiore DOCG con spedizione gratuita!

TauranoNocciolalocandinaIl centro storico di Taurano (AV) sabato 19 e domenica 20 dicembre ospiterà la quarta edizione della Sagra dedicata alla nocciola Mortarella, organizzata dalla locale Pro Loco in collaborazione con l’Amministrazione Comunale.
La nocciola Mortarella campana ha una dimensione medio-piccola ed è caratterizzata da frutti anche non uniformi e piccoli. La forma è leggermente allungata, facilmente staccabile è la pellicola interna, mentre il guscio è abbastanza sottile, di colore marrone chiaro, con lievi striature di colore più intenso e leggermente schiacciato nella parte inferiore.
La polpa è aromatica, consistente, di colore bianco-avorio; di sapore pregevole, quando viene tostata rimanda a sentori di crosta di pane e caramello.
La Mortarella è coltivata in quasi tutte le aree corilicole campane (ad eccezione del Giffonese) per le sue pregevoli caratteristiche d’idoneità alla trasformazione.
I comuni della provincia di Avellino che rientrano nell’area di produzione sono: Mercogliano, Monteforte Irpino, Mugnano del Cardinale, Ospedaletto d’Alpinolo, Quindici, Sirignano, Summonte, Taurano.

nocciola2

Il centro storico di Taurano nel fine settimana si trasformerà per accogliere i visitatori che potranno degustare gli ottimi prodotti tipici (spaghetti nocciole e acciughe, polpette alla nocciola, carne alla brace, baccalà fritto, Caciocavallo impiccato, salumi tipici, rape e patate, dolci alla nocciola e vino locale) nell’area eno-gastronomica “Viaggio attraverso i profumi e i sapori del quotidiano” allestita all’interno dei portici.
Ma la Sagra è anche: musica, cultura, mostre, visite guidate al centro storico e alle sue chiese; vi sarà pure un mercatino di natale e il villaggio di Babbo Natale.

Per maggiori informazioni:
Pagina Facebook Pro Loco Taurano

41° edizione Fiera del formaggio di fossa – Sogliano al Rubicone

fossa11Sogliano al Rubicone il paese che il grande Giovanni Pascoli definì “piccolo grandemente amato paese di Romagna” ospita dal 22 novembre fino al 6  dicembre la quarantunesima edizione della Fiera del formaggio di fossa.
Un evento storico che non passa mai di moda e che rende omaggio al formaggio di fossa che è un tipico prodotto di Sogliano (che si estende tra le vallate del Rubicone e del Marecchia) e che nel 2009 ha ottenuto il marchio Dop con la denominazione “Formaggio di Fossa di Sogliano Dop”.
La manifestazione organizzata da illo tempore dalla locale Proloco in collaborazione con il Comune di Sogliano è nata con l’intento di valorizzare questo formaggio il cui nome deriva dagli ambienti sotterranei, scavati nel tufo, in cui avviene la stagionatura attraverso un processo di fermentazione naturale.
Durante la Fiera del formaggio di fossa è possibile mangiare gustosi piatti romagnoli presso i locali della Proloco e acquistare non solo il formaggio di fossa ma anche altri tipici prodotti soglianesi: il Savòr (è una dolce marmellata, tipica della frazione di Montegelli, ottenuta dopo una lunga lavorazione e composta da mosto d’uva, mele, mele cotogne, pere e frutta secca), la Saba, le Teglie in argilla di Montetiffi (ideali per la cottura della piadina), miele e salumi.
Il programma della manifestazione prevede una serie di eventi collaterali e mostre varie (di pittura, scultura, arte varia); stand della Strada dei vini e dei sapori e stand dell’Associazione Nazionale “Città dei Sapori” (presso i quali sarà possibile degustare e acquistare i prodotti tipici che i Comuni aderenti presenteranno); stand degli allevatori e coltivatori di Sogliano ( con esposizione dei prodotti delle aziende agricole locali).
Molto interessanti sono le mostre permanenti di Palazzo Marcosanti: la Collezione di Arte Povera, il Museo Linea Christa e la Raccolta Veggiani.
Quest’anno come negli anni precedenti la tradizionale apertura delle fosse si terrà mercoledì 25 novembre ( festa di Santa Caterina d’Alessandria ) alle ore 10, in via Le Greppe 14 – presso Fosse Pellegrini.

La storia del formaggio di fossa
L’usanza di “seppellire” il formaggio viene tramandata nei secoli quale parte integrante delle tradizioni contadine del luogo; l’origine di tale pratica è ignota, anche se documenti risalenti al XV secolo testimoniano in modo tangibile che esisteva anche a quei tempi.
Il formaggio deve essere preventivamente richiuso in sacchetti di panno, preferibilmente bianco ove i proprietari delle fosse apporranno, con olio cotto e nero fumo 2 numeri; il primo corrisponde al proprietario, il secondo al peso ancora espresso tradizionalmente in libbre.
Le fosse per la maturazione non sono altro che ambienti sotterranei di probabile origine medievale, scavate nel tufo dell’abitato soglianese ed un tempo adibite a deposito di grano.
Possono essere di varia forma e misura; in generale sono a forma di fiasco con un base di 2 mt. di circonferenza ed un’altezza di circa 3mt. compreso il collo.
Le fosse vengono aperte ogni anno il 16 agosto; da questo giorno i contadini, i commercianti o semplici privati hanno tempo fino ai primi di settembre per portare il proprio formaggio a maturare nelle fosse.
Operai esperti iniziano, di buon mattino, a bruciare paglia all’interno delle fosse allo scopo sia di togliere l’umidità accumulata sia per una sorta di sterilizzazione contro certi germi che potrebbero nuocere ad una normale fermentazione.
Si passa poi al rivestimento delle pareti per isolare il tufo con uno strato di circa 10 cm. di paglia sostenuta da un’impalcatura di canne verticali legate orizzontalmente da cerchi di legno, sul fondo vengono sistemate delle tavole anch’esse in legno.
A questo punto le fosse sono pronte per ricevere il formaggio dopodiché vengono chiuse per essere riaperte quasi 3 mesi più tardi a miracolo compiuto: il normale formaggio depositato in agosto è diventato il formaggio di fossa dal sapore e fragranza inconfondibili.
A causa della fermentazione e della sgrassatura il formaggio può subire un calo di peso e si presenta in forme irregolari, prive di crosta e con una pasta di consistenza dura o semidura a seconda del formaggio di partenza, mentre il colore è giallo paglierino.

Per maggiori informazioni e programma dettagliato:
Comune di Sogliano al Rubicone
Pro loco Sogliano al Rubicone

La ricetta per fare il Savòr
Si prendono 8 litri di mosto d’uva nera (sangiovese) e si fa bollire fino a quando il mosto sia ben denso e ne sia rimasto circa 2 litri. In questo concentrato zuccherino si mettono a bollire 2,5 kg di frutta autunnale, pere, mele, mele cotogne sbucciate e tagliate a dadi piuttosto grossi, fichi, gherigli di noci e gherigli di mandorle sbucciati, scorza di limone non trattato, poca cannella. Poi si procede come per una normale marmellata. Quando il savor avrà raggiunto la consistenza desiderata si pone, ancora bollente, in vasi dalla chiusura ermetica, dove si conserverà a lungo.

Per maggiori informazioni:
Associazione Culturale Montegelli

3° edizione di Officina del Vintage – Ferrara

vintage6Dal 20 al 22 novembre 2015 Ferrara ospiterà presso gli imbarcaderi del Castello Estense, la terza edizione dell’Officina del Vintage l’esposizione di artigiani e collezionisti di capi e oggetti d’annata a cui faranno da contorno in tutta la città eventi a tema con incontri, spettacoli e concerti.
Le due precedenti edizioni hanno fatto registrare una massiccia presenza di pubblico ponendo l’Officina come punto di riferimento in Italia per gli appassionati del genere che anche quest’anno troveranno ad attenderli con una rinnovata selezione di espositori: abbigliamento, accessori moda, complementi d’arredo, design d’antan, set fotografici e postazioni di parrucchiere e truccatrici per un tuffo gratuito nei favolosi anni Cinquanta e Sessanta.
Tra gli ospiti più attesi, due cantanti che hanno segnato gli anni Ottanta con i loro look e i loro ritmi trascinanti: IVAN CATTANEO e l’arlecchino elettronico ALBERTO CAMERINI, che si racconteranno attraverso video e immagini esclusive.
A rappresentare il teatro sarà invece LORENZO CUTULI, scenografo e costumista vincitore del prestigioso International Opera Awards 2014, l’Oscar della Lirica!
La mostra sarà accompagnata da una serie di eventi collaterali molto interessanti tra cui segnaliamo:

CALICI VINTAGE – DEGUSTAZIONE ENO-GASTRONOMICA
Per brindare alla nuova edizione di OFFICINA DEL VINTAGE alziamo i calici con la società agricola PETTYROSSO di Montesanto (FE) e il suo GATTABRIOSA Spumante brut 2013, Eccellenza 2015 per la guida Emilia Romagna da bere e da mangiare. Una full immersion nelle bollicine ferraresi che sarà offerta gratuitamente a tutti i visitatori del festival dai sommelier professionisti di AIS (Associazione Italiana Sommelier).
Dove: Imbarcaderi del Castello Estense di Ferrara
Venerdì 20 novembre, ore 17.00

AMY
Proiezione del film Amy di Asif Kapadia. Un suggestivo ritratto di Amy Winehouse prima del cognome, prima del successo, prima del dimagrimento eccessivo, della vertigine romantica e della perdita di sé. E prima dell’arresto cardiaco a ventisette anni, nella sua casa di Londra, provata dall’eccesso di alcol e droga. Una pellicola che scava tra materiale di repertorio privatissimo dell’intramontabile jazz singer, restituendo aspetti meno noti della vita della tormentata voce di Back to black.
Dove: Il Molo, Via Vignatagliata 1, Ferrara
Venerdì 20 novembre, ore 21.00
Offerta: 20% di sconto sulle consumazioni a tutti coloro che si presentano con il biglietto di Officina del Vintage

VINTAGE HAIR
Dallo stile Pin Up degli anni Cinquanta alle chiome voluminose e cotonate degli anni Sessanta, l’estetica retrò torna quest’anno protagonista a OFFICINA DEL VINTAGE! Affidati alle mani esperte di TESTE D’AUTORE per ridefinire il tuo look: scegli la pettinatura che ha portato al successo tante dive del cinema… da abbinare a un outfit rigorosamente vintage!
Dove: Imbarcaderi del Castello Estense di Ferrara
Domenica 22 novembre, dalle ore 15.30 alle 18.30

VINTAGE CLICK
Sognate di calarvi in prima persona nelle atmosfere del secolo scorso? Anche quest’anno potrete essere protagonisti di originali scatti d’epoca grazie a un vero e proprio set fotografico curato dallo STUDIO BLUE FASHION GROUP di Ferrara. Iniziate a scegliere gli accessori giusti da indossare… sarete tutti modelli per il look book di OFFICINA DEL VINTAGE!
Dove: Imbarcaderi del Castello Estense di Ferrara
Domenica 22 novembre, dalle ore 15.30 alle 18.30

MOSTRA MERCATO DEL VINILE
Appuntamento speciale con la musica. OFFICINA DEL VINTAGE si sdoppia creando uno specifico appuntamento dedicato agli appassionati di dischi in vinile. Scambi e acquisti di rarità per collezionisti.
Dove: Il Molo,Via Vignatagliata 1, Ferrara
Domenica 22 novembre, dalle ore 15.30 alle 20.00
Offerta: 20% di sconto sulle consumazioni a tutti coloro che si presentano con il biglietto diOfficina del Vintage.

A TU PER TU CON IVAN CATTANEO
Per molti era Ivan il terribile, par altri l’ideatore della T.U.V.O.G. Art, per tutti rimarrà nella coscienza collettiva degli anni Ottanta come l’interprete post moderno di 2060 Italian Graffiati, un clamoroso successo discografico del 1981 con mezzo milione di copie vendute. Chi non ricorda la sua versione pop-ska della superhit Una zebra a pois?Amato da Roberto Benigni e Fabrizio De André, quest’anno IVAN CATTANEO festeggia i suoi quarant’anni di carriera a OFFICINA DEL VINTAGE in un incontro pieno di sorprese, chiacchiere, video e immagini esclusive!
Dove: Imbarcaderi del Castello Estense di Ferrara
Sabato 21 novembre, ore 17.00

A TU PER TU CON ALBERTO CAMERINI
Negli anni Ottanta era il sacerdote indiscusso del rock elettronico made in Italy. Il suo abbigliamento richiamava i motivi coloratissimi e romboidali della più famosa maschera italiana, perché vedeva nel servitore veneziano l’individuo realmente a suo agio tanto nella “commedia dell’arte” quanto nella società di quei tempi. ALBERTO CAMERINI ha dato una pennellata di iperrealismo pop alla canzone italiana grazie a successi come Rock’n’roll Robot, Tanz Bambolina, Computer Capriccio… Tutte hit da ricordare in un incontro pieno di sorprese, chiacchiere, video e immagini esclusive!
Dove: Imbarcaderi del Castello Estense di Ferrara
Domenica 22 novembre, ore 17.00

MOSTRA MERCATO OFFICINA DEL VINTAGE
Imbarcaderi del Castello Estense di Ferrara
Piazza Castello
Venerdi 20 novembre: dalle ore 15.00 alle ore 19.30
Sabato 21 e Domenica 22 novembre: dalle ore 10.00 alle ore 19.30

Per maggiori informazioni e programma dettagliato
http://www.officinadelvintage.it/

Pagina facebook Officina del Vintage

NOVEMBER PORC – la staffetta più golosa d’Italia

novemberPORClogoLa terra di Verdi e Guareschi a novembre ospita la staffetta più golosa d’Italia fra 4 città e in quattro weekend.
Siamo nella Bassa parmense (celebre per i prodotti gastronomici e il particolare dialetto stretto) dove novembre è il mese dedicato alla “festa” del maiale che viene celebrata con un abbuffata di maxi salumi per tutti: il Mariolone più grosso a Sissa, il Prete più Pesante a Polesine Parmense, lo Strolghino da Guinness a Zibello e la Cicciolata più Grande a Roccabianca.
NOVEMBERPORC ….speriamo ci sia la nebbia!, ideato e organizzato dalla Strada del Culatello di Zibello e dal Consorzio Antichi Produttori di Culatello e Spalla Cruda, con il sostegno dei 4 Comuni e il patrocinio della Provincia di Parma è uno degli appuntamenti più golosi d’Italia, molto apprezzato anche da tanti turisti stranieri.
La formula del successo di questa manifestazione è semplice ma molto intrigante visto che di fatto le 4 località passandosi la staffetta golosa nel corso dei 4 weekend di novembre danno la possibilità ai buongustai di potersi gustare nei singoli weekend i quattro salumi separatamente.
La tradizione vuole che NOVEMBER PORC apra a Sissa per la degustazione del Mariolone più grosso, per proseguire nel secondo weekend a Polesine Parmense, sull’argine del Po, con “Ti cuociamo Preti e Vescovi” e con il Prete più pesante (lo scorso anno fu di 380 kg).
Il terzo weekend la kermesse si sposta a Zibello con “Piaceri e delizie alla corte di Re Culatello” e lo Strolghino più lungo, mentre il gran finale si avrà dal 27 al 29 novembre a Roccabianca, con “Armonia di Spezie e Infusi” e con la distribuzione della Cicciolata più grande servita con la polenta.
NOVEMBER PORC è nata nel settembre del 2002 quando di ritorno da un viaggio in terra tedesca il Presidente Spigaroli lanciò quello che doveva diventare un vero e proprio Must : “se qui fanno l’October Fest noi faremo il November Porc!” che in pratica voleva dire “vendere” la Bassa nel periodo di novembre… nebbia compresa!
Quella nebbia così importante per la realizzazione degli squisiti salumi e capace di donare al paesaggio un’atmosfera magica,sfumandone i contorni.
Tra i salumi vanno ricordati degli autentici capolavori di bontà come il culatello (il cui segreto risiede nella stagionatura favorita dalle nebbie autunnali e dalle estati afose della bassa, nonchè nell’accurata scelta delle carni), la spalla cotta di San Secondo, il salame, la coppa e il salame Strolghino (il primo salume che si mangiava dopo poche settimane dalla lavorazione del maiale).
Oggi a 13 anni di distanza quell’idea è diventata un evento capace di attirare nei quattro appuntamenti più di 90.000 persone provenienti da tutto il territorio nazionale.

NOVEMBER PORC è anche una manifestazione da record e come ogni anno, ciascuno ha il suo:
– Il Mariolone più grosso (6-7-8 Novembre 2015 Sissa)
– il Prete più Pesante (13-14-15 novembre 2015 Polesine Parmense)
– lo Strolghino da Guinness (20-21-22 Novembre 2015 Zibello)
– la Cicciolata più Grande (27-28-29 Novembre 2014 Roccabianca)

Per maggiori informazioni e programma dettagliato:
http://novemberporc.it/

Pagina Facebook November Porc

Vini Cantina Dogarina

29° Mostra dall’A alla ZUCCA – Murta, Val Polcevera

zucca_murtaMurta in Val Polcevera si appresta ad ospitare la 29° edizione della Mostra dall’A alla ZUCCA, che quest’anno avrà come tema: Zucche EXPO. Gustose, semplici e salutari ricette della tradizione.
Nei due weekend dedicati ai festeggiamenti in onore di San Martino (7, 8 e 14, 15 novembre 2015) gli amanti dei sapori e della zucca in particolare avranno la possibilità di partecipare a un evento in cui gli stand gastronomici proporranno piatti a base di zucca secondo la Tradizione del Ricettario di Murta ( ricettario che sarà disponibile presso gli stand).
Torte, panini dolci, ravioli ripieni, marmellata, e la buonissima grappa di zucca vi aspettano per un pranzo all’insegna della zucca, il tutto innaffiato da un ottimo vino bianco novello.
Durante la Mostra verranno premiate:
la Zucca più grossa
la Zucca più lunga
la Zucca più strana
la Zucca più bella
La Zucca più strana e la Zucca più bella saranno determinate in base alla votazione da parte dei visitatori.

Orari della Mostra
Sabato 07 Novembre dalle ore 10.30 alle ore 18.00
Domenica 08, sabato 14 e domenica 15 novembre dalle ore 9.00 alle ore 18.00

Per maggiori informazioni:
http://www.murtaezucche.it

Pagina Facebook della Mostra della Zucca Murta

Dal Ricettario di Murta, la ricetta della Torta di Zucca alla Murtese

ricettarioMurtaIngredienti:
1 Kg di Zucca trombetta
150 g di farina
75 g di polenta
mezzo litro di latte
panna liquida a piacere
sfoglia salata, sale

Preparazione:
Lessare la zucca in poca acqua e quindi strizzarla, aggiungere farina, polenta, latte, mezza dose di panna e salare a piacere.
Foderare una teglia ben oliata con una sfoglia salata, versarvi il ripieno e al di sopra la panna rimasta, quindi infornare in forno pre-riscaldato a 180 gradi per 40 minuti.

Come arrivare a Murta

in auto
uscendo dal casello autostradale di Genova Bolzaneto, dirigersi verso Pontedecimo percorrendo il cavalcavia per Via Romairone, quindi seguire direzione mare; all’altezza della stazione ferroviaria è presente la deviazione per il paese (percorso di circa 2 Km).
Provenendo dal centro di Genova dirigersi verso Bolzaneto quindi, una volta giunti sul lato sinistro del torrente Polcevera, seguire le indicazioni all’altezza della stazione ferroviaria – ponte di San Francesco;

in autobus-treno
linea urbana AMT numero 74, il cui capolinea di Bolzaneto si trova nelle immediate vicinanze della fermata dei mezzi pubblici provenienti dal centro città e della stazione ferroviaria di Bolzaneto;

a piedi
da Bolzaneto percorrendo le caratteristiche mattonate, in circa 20-30 minuti.

Parmigiano Reggiano Night – 160 ristoranti celebrano il Re dei formaggi

parmigiano1Sabato 24 ottobre saranno ben 160 i ristoranti italiani che si cimenteranno nella Parmigiano Reggiano Night, l’evento che unisce simbolicamente tutti gli appassionati del Re dei formaggi celebrando il gusto della tavola e il gusto di stare insieme.
Da Belluno a Ragusa ( il maggior numero di adesioni si è avuto da Emilia Romagna, Lombardia,Veneto, Piemonte e Campania) i ristoranti che hanno aderito alla manifestazione questa sera presenteranno un piatto o un intero menù a base di Parmigiano Reggiano e distribuiranno un simpatico gadget a tutti i clienti che parteciperanno alla serata.
Nei giorni successivi, i locali che caricheranno sul sito web dell’evento le foto della propria serata potranno partecipare all’estrazione di una intera forma di Parmigiano Reggiano del peso di 40 kilogrammi.
La suddivisione geografica dei ristoranti che hanno aderito alla Parmigiano Reggiano Night vede in testa l’Emilia-Romagna con 64 esercizi (equamente divisi tra province di produzione e aree fuori dal comprensorio produttivo), seguiti dai 23 della Lombardia, dai 10 del Veneto e poi via via dai ristoranti di Piemonte e Campania (8 a testa), Liguria, Marche, Calabria, Sicilia, Puglia e altre regioni italiane.
Tra le città al di fuori del comprensorio di produzione (nel cui ambito il primato va a Bologna, con 11 ristoranti), la graduatoria è guidata da Rimini (10 ristoranti), seguita da Milano e Piacenza (7 ristoranti ciascuna), Roma e Verona (entrambe con 6) e poi Napoli (4) e Torino (3).
Chi volesse partecipare all’evento può visitare il sito dedicato www.night.parmigianoreggiano.com inserire la propria città di appartenenza, consultare la lista dei ristoranti più vicini e prenotare (menu e prezzi sono a discrezione dei singoli esercizi).
La Parmigiano Reggiano Night, giunta quest’anno alla 4° edizione è nata nel 2012, a seguito del terremoto che colpì duramente anche tanti caseifici del Parmigiano Reggiano, e da allora si è ripetuta ogni anno come momento di coinvolgimento e unione per tutti gli amici del Parmigiano Reggiano e per gli chef che interpretano il Re dei formaggi valorizzandolo secondo i propri gusti e il proprio stile.

Per informazioni e prenotazioni:
www.night.parmigianoreggiano.com

White Musk / Muschio Bianco

5° edizione Torgnon d’outon – 23 ottobre / 8 novembre 2015

TorgnonlogoTorgnon, il piccolo paese composto da ventidue piccole frazioni distribuite su un ampio e soleggiato terrazzo morenico, inserito nella Comunità Montana del Cervino, vi aspetta per la 5° edizione della ormai collaudata Torgnon d’outon che da festa patronale si è ormai trasformata in un appuntamento immancabile con i sapori autunnali.
Gli ingredienti principali della festa che si prolunga per due settimane saranno: le specialità valdostane, tra cui Fontina DOP d’alpeggio e patate di montagna, formaggi di capra, miele, castagne, cioccolato al miele, animazioni, artigianato e buona musica.
Domenica 25 ottobre si terrà Lo Tsaven de Torgnon il mercatino a km 0 dedicato alle specialità del territorio, mentre alle ore 10 vi sarà una dimostrazione sulla lavorazione della fontina a cura di Fabio Machet.
Nello stand ristorante avrete la possibilità di assaggiare alcune specialità tipiche, tra cui la Torgnolette, a base di patate, fontina, porri e pancetta e la Seuppa de Torgnon, una zuppa di pane nero e bianco, Fontina, cavolo verza e fave.

Torgnon d’outon – Festa Patronale di San Martino
Località Mongnod, partenza telecabina
Ingresso libero in tutte le serate
Per i pasti prenotazione consigliata
cell. 329.7505090 (Lorena) – 340.7058809 (Liam)
tel. 0166.540433 (Ufficio turistico)

Per maggiori informazioni:
http://www.torgnon.org

La ricetta della Torgnolette
Tramandata dall’Associazione Turistico Culturale Coeur Torgnolein

Ingredienti
Patate di montagna
Pancetta
Porri
Fontina d’alpeggio DOP

Procedimento
Lessare le patate tagliate a fette.
Stufare la pancetta e i porri tagliati a dadini.
Comporre in una terrina strati di patate alternati con porri pancetta e fette di Fontina.
Bagnare il tutto con un po’ di brodo e infornare a 180 gradi per 20 minuti.

Dosi per 4 – 6 persone
– 6 patate di montagna
– 2 porri
– 150 gr di pancetta tesa
– 50 gr. di burro
– 300 gr. di Fontina d’alpeggio DOP della Valle d’Aosta
– sale q.b

Bon appétit!

Linea Honeymania

FOTO GALLERY – 17° Fiera Nazionale del Marrone Cuneo

Ecco la Foto Gallery direttamente dal centro di Cuneo della 17° Fiera Nazionale del Marrone.
L’atmosfera come sempre è quella festaiola, tipica delle Fiere, tanti colori, profumi e sapori  da assaporare con il sottofondo del ritmo scoppiettante, tanto caro a grandi e piccini, dei môndaj.
Caldarroste per tutti, meglio se accompagnate da un buon bicchiere di vino rosso o perchè no di vin brulè!
E’ un paradiso per i buongustai che possono trovare prodotti tipici molto interessanti oltre che deliziosi tra cui l’ottimo formaggio Castelmagno, il Testun ricoperto di vinaccia, i salami al barolo, di cervo e cinghiale, un assaggio di Genepy, essenze di violetta e lavanda, il cappone di Morozzo, i porri di Cervere, frittelle di mele, ravioli del plin, polenta appena macinata ecc.
Lungo il percorso della Fiera si possono incontrare i carnettisti al lavoro mentre stanno ritraendo sui loro Carnets de voyage il loro “mercato” con cui parteciperanno alla mostra Cuneo Vualà i mercati nei taccuini di viaggio disegnati che si terrà presso la Fondazione Peano.

Questo slideshow richiede JavaScript.


langhe1a

Gavi – “Nel Cortile” de La Palazzina … Il Monferrato: un territorio da gustare

lapalazzinaDomenica 30 agosto, a partire dalle ore 18 “Nel Cortile” della tenuta La Palazzina, in via Rovereto 19 a Gavi, tre chef stellati saranno i protagonisti dell’incontro: “Il Monferrato, un territorio da gustare”. Un dialogo fatto di sensazioni, sapori ed emozioni interpretato da chi, quotidianamente, trasforma le eccellenze del nostro territorio non solo in semplici piatti, ma in vere e proprie storie da raccontare.
“Avere sullo stesso palco Ugo Alciati, Massimo Mentasti ed Andrea Ribaldone è senza dubbio un evento eccezionale. Un momento importante di riflessione sulle radici della cultura enogastronomica monferrina, sulle nostre tradizioni e su come continuare ad investire nel territorio passando LauraGobbiattraverso le sue eccellenze” racconta Laura Gobbi direttore artistico dell’evento. ”Sono felice che tre personaggi di questo calibro abbiano accettato con slancio di condividere il nostro progetto. Non solo tre chef, ma veri e propri “maestri d’arte”. Conoscitori e cultori del nostro territorio che lo vivono, lo rispettano e lo trasformano attraverso il loro “mestiere”, facendo assaporare la nostra terra, i nostri prodotti, i nostri vini ma soprattutto la nostra cultura, in tutto il mondo.”
Dopo l’incontro, moderato dal giornalista enogastronomico Danilo Poggio, la serata proseguirà con una degustazione dei vini Gavi DOCG, Barbera DOCG, Barbaresco DOCG dell’azienda Massimo Diotti abbinati ai tipici piatti della tradizione contadina come il risotto al Gavi, una selezione di formaggi, il pollo grigliato al momento accompagnato da verdure di stagione ed il gelato artigianale, il tutto in un’atmosfera elegante, accogliente e raffinata.
“Una serata semplice, come una volta, quando si faceva tardi ed il cortile diventava il salotto di tutti (racconta Massimo Diotti padrone di casa e produttore dell’azienda vitivinicola che porta il suo nome); con questo progetto culturale, “Nel Cortile”, l’aia de La Palazzina vuole essere un punto di incontro dove potersi confrontare su tematiche differenti, dove divertirsi e stare bene in un ambiente rilassato ed accogliente. Vogliamo ridare linfa alle nostre tradizioni, quelle vere, profonde, quelle di quei piemontesi che hanno reso la nostra terra, una terra di grandi storie e passioni.”

Il cortile riacquista la sua funzione sociale di comunità, una rivisitazione in chiave moderna, un social alternativo dove la musica del gruppo “L’arte della fuga” si alternerà con i ritmi coinvolgenti delle hit del dj Davide Gaudino che accompagneranno gli ospiti in un viaggio esperienziale attraverso le emozioni delle arti.

“Rève d’antan”
Un salotto discreto, riservato, dall’atmosfera d’antan, sarà dedicato a due nobili degustazioni: quella del Sigaro Toscano, condotta dallo specialista Sergio Tosi e poi, proprio come accadeva nei più prestigiosi salotti piemontesi, dove magia ed alchimia di inizio ‘800 si intrecciavano a discorsi di politica e cultura, verrà servito il Vermut Riserva Speciale Carlo Alberto, un liquore simbolo dalla nostra storia, vero e proprio rito sabaudo oggi conosciuto in tutto il mondo.

“Nel cortile del cortile”
All’interno del cortile de La Palazzina c’è un piccolo angolo nascosto dove, oltrepassando l’antico cancello in ferro battuto, si ha come l’impressione di entrare in un altro mondo. Un mondo magico.
Nelle antiche stalle saranno allestite le personali dei fotografi Lucia Bianchi, Carlo Ferrara e Roberto Pestarino, trame di paesaggi interiori che scavano l’anima e due giovani designer di preziosi monili presentano le loro creazioni.
Ci sarà anche chi leggerà il futuro attraverso le linee della mano e chi con le antiche lame e in una grotta sotterranea della tenuta, il luogo più suggestivo de La Palazzina, quello più profondo ed antico, un viaggio esperienziale attraverso una meditazione corporea.
A proteggere questo scrigno incantato, all’ingresso del cortile, Druin-en il gufo reale europeo.
“Per ogni lanterna che vola, un desiderio si avvera”
Allo scoccare della mezzanotte, il cielo della notte si illuminerà della luce calda di cento lanterne che verranno fatte librare insieme a tutti i nostri desideri.

Ingresso libero
Degustazione vino e piatti in abbinamento dieci euro

Per info
Laura Gobbi 338 39 37 605
Mail: info@cantinasanmatteo.it
La Palazzina, Frz. Rovereto 19, Gavi

I Vini della degustazione
Gavi DOCG
Barbera DOCG Can Jack
Barbaresco DOCG

Massimo Diotti La Palazzina
L’azienda agricola Massimo Diotti è stata fondata nel 1999 come naturale conseguenza della passione di Massimo per il vino ed il rispetto di un grande territorio. Il suo unico obiettivo è quello di offrire vini di alta qualità ed i premi, i riconoscimenti e le menzioni a livello nazionale ed internazionale sono la giusta ricompensa per un lavoro continuo di ricerca, che ambisce alla perfezione, attraverso l’armonia del terroir, del microclima, del suolo e di un certo modo di vivere ed amare la propria terra.

Ugo Alciati
Scelto come “Chef Ambassador” di Expo2015 ama definirsi semplicemente “cuoco”. Nel 2013 apre nella villa reale della Tenuta Fontanafredda di Serralunga d’Alba, il suo “Guido Ristorante” con a fianco sempre il fratello Piero che gli cura la sala e la cantina. Nato tra i fornelli delle cucine del ristorante di famiglia “Guido” a Costigliole d’Asti dove, già a nove anni seguiva con attenzione i consigli di mamma Lidia che gli trasmetteva l’amore per questo mestiere, l’attenzione per la qualità dei prodotti, ed il rispetto del territorio. Da allora, ha continuato a “giocare”, sperimentare e a creare tra i fornelli con la stessa semplicità, curiosità, e lo stesso trasporto di come quando era piccolo.

Massimo Mentasti
Chef a “La Gallina”, ristorante di Villa Sparina Resort a Monterotondo di Gavi. La sua filosofia culinaria si riassume tutta in una frase: “Cucina di memorie e ghiottonerie personali” e continua: “A darmi l’ispirazione tutti i giorni sono le cose che mi piacciono, trasformo la mia golosità in qualcosa a portata di tutti, mantenendo i sapori, i gusti e i colori. Occorre riscoprire la quotidianità che era propria dei nostri nonni e bisnonni, i ritmi naturali delle stagioni tutti quei valori, irrinunciabili, da lasciare in eredità ai nostri nipoti. A mio avviso tutti gli ingredienti che utilizzo nei miei piatti sono importanti, da quello che si può considerare più “semplice” e “povero” fino a quello più ricercato”.

Andrea Ribaldone
Piemontese da parte di padre, la passione per la cucina gli viene trasmessa dalla madre e dal nonno pastaio. Dal 2014 è alla guida del ristorante I Due Buoi, storico locale di Alessandria completamente rinnovato nell’aspetto e nella proposta gastronomica. All’interno di Expo 2015 lo troviamo come executive chef di Identità Expo. Autore e collaboratore anche in due pubblicazioni di successo, “Un cuoco in famiglia” (Sperling, 2009) e “Le Marinature” quarto volume della collana I Tecnici curata da Allan Bay (Reed Gourmet, 2012). Noto al grande pubblico per le sue partecipazioni al programma TV di Rai 1 “La prova del cuoco”, collabora spesso con “Essere e Benessere”, il programma di Nicoletta Carbone su Radio 24.

Vermut Riserva Carlo Alberto – Per Uomini e Dei, dal 1837
Nel cuore del XIX secolo le innovazioni civili e commerciali stavano rendendo il Piemonte lo stato più avanzato d’Europa, qui la degustazione del Vermut diventa vero rito, e da qui si espande in tutto il Mondo diventando, probabilmente, la prima esperienza di prodotto globalizzato.
In un clima effervescente e ricco di spunti, idee e cambiamenti, nel 1837 nasce il Vermut Riserva Carlo Alberto, ancora oggi proposto nelle sue tre versioni: rosso, bianco e dry.
Il rito del Vermut, a quell’epoca prima dei pasti, era il momento nel quale tutto il fermento innovativo di quei tempi si incontrava con vigore, sobrietà ed equilibrio. Nelle cioccolaterie, nei caffè, nei ristoranti, nei salotti, l’ora del Vermut era il momento in cui si discuteva, con eleganza di modi, sulla politica, sull’economia e dei valori spirituali.
Tante le famiglie che hanno fatto la storia nel mondo del Vermut di Torino e i responsabili del nobile Vermut affermano: “Noi di Riserva Carlo Alberto, ci sentiamo i loro eredi e da sempre cerchiamo di produrre il nostro Vermut, con storia, tradizione e legame con i territorio, rispettando il naturale ciclo produttivo e ben coscienti che il tempo e l’attenzione per la materia prima sono, e sono sempre stati, l’unica cosa indispensabile per la produzione del Vermut Riserva Carlo Alberto, unico al mondo.”

Olio di Argan