Archivi tag: mostre

Marie De Moliner .. Profumo di carta e colla per creare collages unici

Alzi la mano chi almeno una volta nella vita non si è avventurato nella creazione di un collage, io sono uno di quelli e mi ricordo come se fosse oggi il giorno in cui a scuola mi fu consegnato durante l’ora di disegno un blocco di fogli colorati, un paio di forbici, un cartoncino nero e la mitica “ Coccoina “ colla bianca da stendere con il pennellino e dall’indimenticabile profumo di mandorla
Fu una esperienza bellissima per me che essendo una vera e propria frana con la matita e il pennello fui in grado di dar sfogo alla mia creatività realizzando un collage astratto che mi valse l’onore di vederlo attaccato con le puntine sul cordolino di legno presente sui muri dell’aula
Quando ho visto le opere di Marie De Moliner per la prima volta mi sono immediatamente ricordato della mia esperienza scolastica e ho capito molte cose che allora da ragazzo non avevo recepito, innanzitutto che il collage può sembrare una rottura rispetto alle tecniche nobili della pittura e del disegno, ma così non è perché questa forma d’arte comprende tecnica,forma e contenuto
Ci troviamo di fronte ad una vera e propria rivoluzione che parte da una decostruzione per arrivare ad una ricostruzione vera e propria in cui l’artista si muove in un universo dove tutte le forme possono diventare significanti e la bravura dell’artista consiste nel far apparire nel sui lavoro l’imprevedibile .. quello che non ti saresti aspettato e capace di dare un tocco di originalità ed unicità al lavoro finito
Marie De Moliner è nata vicino a Parigi nel 1975 e negli anni novanta ha vissuto alcuni anni a New York dove ha frequentato la Parsons School of design e la Fordham University
Ritornata a Parigi nel 2003 si è laureata in Architettura e dal 2004 vive e lavora a Bergamo
Si è innamorata dell’arte fin da bambina, sperimentando sempre forme ed espressioni d’arte diverse (acquarello, pittura, scultura, arte digitale …), ma la sua vera espressione artistica è il collage realizzato con frammenti di carta riciclata
Ha una passione smodata e non potrebbe essere che così, per la raccolta di carta di qualsiasi tipo, fogli e ritagli da riviste, giornali, cataloghi, brochure pubblicitarie, volantini, biglietti, imballaggi, poster e questa fase di ricerca la porta a girare per mercatini dell’usato alla ricerca di quel pezzo di carta che le farà scattare l’idea per poter immaginare una nuova opera
Da buon architetto Marie trova conforto nella geometria ed è affascinata dalla grafica e non è difficile capire che la sua fonte principale d’ispirazione è la corrente architettonica dello Stile Internazionale
Nella sua serie di collage intitolata “Paesaggi urbani” , opere che sono state esposte ad una mostra personale a Venezia in occasione della biennale di architettura nel 2018 al primo colpo d’occhio si ritrovano immediatamente le peculiarità dello Stile Internazionale: l’organizzazione dello spazio e la prospettiva con un forte linguaggio geometrico
Del resto lo Stile Internazionale si basa su una radicale semplificazione della forma, un rifiuto dell’ornamento e l’adozione di vetro, acciaio e cemento come materiali preferiti mentre la trasparenza degli edifici, la costruzione (chiamata l’espressione onesta della struttura) e l’accettazione delle tecniche di produzione di massa industrializzate hanno contribuito alla filosofia di design dello stile internazionale che ha come obiettivo l’internazionalizzazione del linguaggio, quindi la sua massima diffusione, e non l’approfondimento delle regole di una specifica idealità architettonico/figurativa vista anche l’intenzionale riduzione di una vasta quantità di mezzi espressivi
Marie grazie all’uso di carta riciclata riesce a far emergere sulle tele dei scenari rigorosi e dal carattere pop con una lettura nostalgica e contemporanea
Marie De Moliner è sicuramente una “ numero uno “ nel variegato mondo artistico dove il collage trova una sua precisa collocazione al pari di disegno e pittura, e forse non tutti sapranno che anche il famosissimo Henri Matisse  sulla sedia rotelle a causa di una grave malattia, si aprì ad una nuova vita artistica, producendo collage di carte coloratissime, spesso in scala enorme

 

 

 

Marie De Moliner .. Perfume of paper and glue to create unique collages
Hands up those who at least once in their life have not ventured into creating a collage, I am one of those and I remember as if it were the day when I was given a block of colored sheets, a pair of scissors, a black card and the legendary “Coccoina” white glue during the drawing hour to be spread with the little brush and the unforgettable scent of almond
It was a beautiful experience for me that being a real landslide with the pencil and the brush I was able to give vent to my creativity by creating an abstract collage that earned me the honor of seeing it attached with the pins on the wooden cord on the classroom walls
When I saw the works of Marie De Moliner for the first time I immediately remembered my school experience and I understood many things that I had not understood then as a boy, first of all that collage may seem like a break from the noble techniques of painting and drawing, but this is not the case because this art form includes technique, form and content
We are faced with a real revolution that starts from a deconstruction to arrive at a real reconstruction in which the artist moves in a universe where all shapes can become meaningful and the skill of the artist consists in making appear in its work the unpredictable .. what you would not have expected and capable of giving a touch of originality and uniqueness to the finished work
Marie De Moliner was born near Paris in 1975 and in the 1990s lived a few years in New York where she attended the Parsons School of design and Fordham University

Returning to Paris in 2003, she graduated in Architecture and has lived and worked in Bergamo, Italy since 2004
She has fallen in love with art since she was a child, always experimenting with different forms and expressions of art (watercolor, painting, sculpture, digital art …), but her true artistic expression is the collage made with fragments of recycled paper
She has an unbridled passion and it could not be otherwise, for the collection of paper of any type, sheets and clippings from magazines, newspapers, catalogs, advertising brochures, flyers, tickets, packaging, posters and this research phase leads her to turn to flea markets in search of that piece of paper that will trigger the idea to be able to imagine a new work
As a good architect Marie finds comfort in geometry and is fascinated by graphics and it is not difficult to understand that her main source of inspiration is the architectural style of the International Style
In her series of collages entitled “Urban Landscape”, works that have been exhibited at a personal exhibition in Venice on the occasion of the architecture biennale in 2018 at the first glance you immediately find the peculiarities of the International Style: the organization of space and perspective with a strong geometric language
After all, the International Style is based on a radical simplification of the shape, a refusal of the ornament and the adoption of glass, steel and concrete as preferred materials while the transparency of the buildings, the construction (called the honest expression of the structure) and the acceptance of industrialized mass production techniques have contributed to the design philosophy of the International style which has as its objective the internationalization of language, therefore its maximum diffusion, and not the deepening of the rules of a specific architectural / figurative ideality also considering the intentional reduction of a vast amount of means of expression
Thanks to the use of recycled paper, Marie manages to bring out rigorous and pop scenes on the canvas with a nostalgic and contemporary reading
Marie De Moliner is certainly a “number one” in the varied artistic world where collage finds its precise location on a par with drawing and painting, and perhaps not everyone will know that even the very famous Henri Matisse, in a wheelchair due to a serious illness , opened up to a new artistic life, producing collages of colorful papers, often on a huge scale

Solo exhibitions
– February 2010 – Collages Caffè Letterario in Bergamo

Group exhibitions
– October 2010 – Proposte d’arte of Roberto Colleoni in Villa Suardi, Trescore Balneario – (Bergamo)
– May 2011 – Artemisia Laborart Gallery in Piedimulera (Piedmont)
Permanent Exhibition Colleoni Roberto & C. Tappezzieri in Bergamo

Publications
Catalogue “Art Events 2011” (Mazzoleni Art Gallery)

For more information about Marie De Moliner :

Website
Instagram
Facebook

 

 

Henna Pajulammi … When Law becomes Art

I always wondered by listening to the harangue of the great lawyers with a fabulous “ars oratoria” if the law is linked to art as an object of discipline, or if the law is itself a form of artistic expression
Looking at the works of the artist that I present to you today and knowing her story I had the confirmation that there is no difference between law and art but rather as in the case of this artist they helped her to carry out her best in perfect symbiosis two activities, that of lawyer and painter
Henna Pajulammi is 37 years old and originally from Seinäjoki, located in the district of Southern Ostrobothnia, but lives and works in Helsinki
In order to become a lawyer and PhD (Doctors of Laws / LL.D), Henna studied practically all her life, first to obtain a law degree and then as a university researcher and the science and research brought her all over the world, having studied at UCLA Law School in California and at the European Academy of Legal Theory in Brussels
As a lawyer she deals mainly with the resolution of corporate disputes but also mainly with the crime of white-collar workers and trade secrets
But in a perfectly juridically oriented business mind there is a creativity that expresses itself through a game of galaxies, champagne bubbles and gingerbread, often using bright colors in her abstract acrylic paintings and mixed technique ( often use the spatula and pieces of cardboard to create sliding ) that allow her to explode her imagination, taking as I believe what Picasso said “I start with an idea and then it becomes something else”
When paints she refuses to “try to be” in the sense that she loves to be free to make her mind float without thinking of having to be perfect at all costs because sometimes it is imperfection that makes us unique and not homologated to others
There is always a story behind one of her paintings, just as in some of her paintings you can find abstract portraits of people who have been able to convey a feeling or even just a “color” that has given way to her imagination
Working as a lawyer provides her with a unique kaleidoscope as an artist, managing to bring the different shades of humanity into her works from an unexpected angle and on the contrary, art helps her in the legal field to think outside the traditional framework and here is that “creativity takes courage” just as the great Henri Matisse said, also him a lawyer
A couple of years ago Henna met her husband who was in that time Minister of Justice of the Finnish government and from this meeting the first encouragement to pursue her dreams started, in practice the first step to becoming an artist
From the wedding a beautiful girl was born and at that moment Henna after being a career-oriented person has had to face an overwhelming change in her life and so the eclectic days at Court in high heels and the “important people” around her have changed to make room for the slow pace of life at home to take care of a small human being
A fantastic world presented itself that has moved something in her soul, and here is the decision to take a break from her work as a lawyer to devote herself to the role of full-time mother
And this gesture of deep love gave her in exchange what she may have had for a long time but she was unable to bring out her creative vein .. she started painting and since then she has never stopped
With this breath of creativity a new Henna was also born where being happy can mean leaving aside high heels to wear the classic Finnish wool socks “villasukat” and feeling comfortable with the paint in her hair
Looking at her paintings it is not very difficult to understand how happy Henna is today, one for all the painting “Got the bubbles back to my champagne” where in her own way she sees in the same photograph the Finnish “Vappu” (May Day) and the Pride parade

Henna Pajulammi .. Quando il Diritto diventa Arte

Mi sono sempre chiesto ascoltando le arringhe dei grandi avvocati dotati di una favolosa “ ars oratoria “ se il diritto si lega all’arte quale oggetto di disciplina, oppure se il diritto è esso stesso una forma di espressione artistica
Guardando le opere dell’artista che vi presento oggi e conoscendo la sua storia ho avuto la conferma che non vi è alcuna differenza tra diritto ed arte ma anzi come nel caso di questa artista l’hanno aiutata a svolgere al meglio in perfetta simbiosi le sue due attività, quella di avvocato e pittrice
Henna Pajulammi ha 37 anni ed è originaria di Seinäjoki , situata nel distretto della Ostrobotnia meridionale, ma vive e lavora a Helsinki
Henna per diventare avvocato e dottore di ricerca ( Doctors of Laws/LL.D) ha studiato praticamente tutta la vita, prima per ottenere la laurea in legge e poi come ricercatore universitario e la scienza e la ricerca l’hanno portata in tutto il mondo avendo studiato alla UCLA Law School in California e presso l’Accademia europea di teoria legale a Bruxelles
Come avvocato si occupa principalmente alla risoluzione di controversie aziendali ma anche principalmente con il crimine dei colletti bianchi e dei segreti commerciali
Ma in una mente perfettamente orientata giuridicamente al business trova spazio una creatività che si esprime attraverso un gioco di galassie, bolle di champagne e pan di zenzero, usando molto spesso colori vivaci nei suoi quadri astratti in acrilico e tecnica mista ( usa spesso la spatola e pezzi di cartone per creare scorrimento ) che le permettono di far esplodere la sua immaginazione, prendendo come credo quello che affermava Picasso “ Comincio con un’idea e poi diventa qualcos’altro “
Quando dipinge rifiuta di “ cercare di essere “nel senso che ama essere libera di far fluttuare la sua mente senza pensare a dover essere perfetti a tutti i costi perché a volte è l’imperfezione a renderci unici e non omologati agli altri
C’è sempre una storia dietro un suo dipinto, così come in alcuni suoi quadri si possono ritrovare ritratti astratti di persone che hanno saputo trasmetterle un sentimento o anche solo un “ colore” che ha dato il via alla sua immaginazione
Lavorare come avvocato le fornisce un caleidoscopio unico come artista, riuscendo a portare le diverse sfumature dell’umanità nelle sue opere da un’angolazione inaspettata e al contrario l’arte l’aiuta in ambito legale a pensare al di fuori degli schemi tradizionali ed ecco allora che “ la creatività prende coraggio “ proprio come diceva il grande Henri Matisse, pure lui avvocato
Henna un paio di anni fa ha incontrato suo marito che all’epoca era Ministro della Giustizia del governo finlandese e da questo incontro è partito il primo incoraggiamento ad inseguire i suoi sogni, in pratica il primo passo per diventare un artista
Dal matrimonio è nata una bellissima bimba e in quel momento Henna dopo essere stata una persona da sempre orientata alla carriera ha dovuto affrontare un cambiamento travolgente nella sua vita e così le giornate eclettiche a Corte in tacchi alti e le “ persone importanti” intorno a lei sono cambiate per lasciare spazio ai ritmi lenti della vita a casa ad accudire un piccolo essere umano
Le si è presentato un mondo fantastico che ha spostato qualcosa nella sua anima, ed ecco allora la decisione di prendere una pausa dal suo lavoro di avvocato per dedicarsi al ruolo di mamma a tempo pieno
E questo gesto di profondo amore le ha regalato in cambio quello che forse da tempo aveva dentro di sé ma non riusciva a far venir fuori, la sua vena creativa .. ha iniziato a dipingere e da allora non si è più fermata
Con questa ventata di creatività è nata anche una nuova Henna dove essere felici può voler dire lasciare da parte i tacchi alti per indossare le classiche calze di lana finlandesi “villasukat “ e sentirsi a proprio agio con la vernice tra i capelli
A guardare bene i suoi quadri non è molto difficile capire quanto oggi sia felice Henna, uno per tutti il quadro “ Got the bubbles back to my champagne “ dove a modo suo lei vede nella stessa fotografia il Finnish “ Vappu “ ( May Day ) e la Pride parade

For more information about Henna Pauljammi :
Website
Instagram page
Facebook page

Sanna-Mari Suomela quando l’arte diventa terapia

Sanna–Mari è nata a Turku 39 anni fa e ha due figli
Per un periodo della sua vita ha vissuto anche ad Helsinki,ma amando il silenzio e il contatto con la natura ha fatto ritorno nella sua città natale, dove attualmente vive
In passato ha avuto un’attività in proprio, dove realizzava tessuti per la casa che progettava insieme alla sorella,per poi essere stampati
Ha iniziato a dipingere dopo una dolorosa separazione dal suo compagno di vita e grazie all’arte è riuscita in qualche modo a lenire la sua sofferenza interiore trasferendo il dolore sulle sue tele che raccontano quindi di un mondo interiore che cerca di uscire dal caos in cui era finito
L’arte quindi intesa come terapia, niente di più bello e delicato per capire le mille sfaccettature interiori di un artista
Nel suo cottage estivo ( mökki in finlandese ) che è anche il suo atelier d’arte riesce a trovare la giusta inspirazione per mettere su tela la sua ricerca di serenità
E ora che la burrasca è passata e Sanna-Mari ha saputo ritrovare la sua serenità le è rimasta la cosa più importante, l’ispirazione per continuare a fare arte e trasmettere emozioni attraverso le sue tele

Se siete interessati alle sue opere potete contattarla direttamente tramite la sua pagina Instagram o via mail sannamarinenarts@gmail.com

 

Sanna-Mari Suomela when art becomes therapy

Sanna-Mari was born in Turku 39 years ago and has two kids
For a period of her life she also lived in Helsinki, but loving silence and contact with nature she returned to her hometown, where she currently lives
In the past she had her own business, where she made home textiles that she designed with her sister, to then be printed
She began to paint after a painful separation from her life partner and thanks to art she somehow managed to soothe her inner suffering by transferring the pain onto her canvases which then tell of an inner world that tries to get out of the chaos in which It was finished
Art therefore understhood as therapy,  nothing more beautiful and delicate to understand the thousand inner facets of an artist
In her summer cottage ( mökki in Finnish) which is also her art studio she manages to find the right inspiration to put her search for serenity on canvas
And now that the storm has passed and Sanna-Mari has been able to regain her serenity, she has remained the most important thing, the inspiration to continue making art and transmit emotions through her paintings

If you are interested in her works, you can contact her directly by Instagram page or by email sannamarinenarts@gmail.com

Instagram page

Barbara Marchi BAM .. impara l’arte e mettila da parte

Barbara Marchi nasce nel 1972 nel centro storico della “DottaBologna ( per la sua Università, l’Alma Mater Studiorum, fondata nell’anno 1088, nonché prima Università del mondo occidentale)
Inizia a disegnare, dipingere ed a cibarsi di arte e cultura ancora prima di saper scrivere il suo nome per poi frequentare il Liceo Artistico e l’ Istituto Superiore per le Industrie Artistiche con indirizzo Design ceramica
Partendo dallo studio dell’arte della ceramica e del design contemporaneo si avvicina alla sua vocazione artistica “ il mondo materico della pittura “ e dopo diverse sperimentazioni con tecniche e materiali diversi arriva alla tecnica che la consacrerà come artista, ovvero l’utilizzo dello stucco spatolato su tela
Ecco quindi che un materiale povero come lo stucco diventa il vero e proprio protagonista di questa geniale artista che lo spalma su tutta la tela per poi lavorarlo con dita e spatola arrivando a creare una “pittoscultura che grazie all’uso degli acrilici fa emergere una espressione cromatica perfetta dove le tonalità piene e forti riescono a trasmettere un caldo impatto emotivo capace di rendere visibile l’essenza interiore di questa artista
A questo proposito sono mirabili i suoi “Cuori infranti” di cui uno scelto dal critico Vittorio Sgarbi per il concorso “ I mille di Sgarbi 2019
La campagna dove ora vive è una grande fonte di ispirazione per lei e le colline e pianure emiliane le permettono di regalarci albe e tramonti meravigliosi per non parlare degli alberi spogli che nelle nebbie invernali ci evocano fantasmi o incredibili panorami astratti
Per non parlare degli animali che ritrae .. sembrano uscire dalla tela per farvi le fusa o prendere le coccole
Un discorso a parte merita la Luna, che lei ritrae in maniera sublime tanto da chiedersi ma cosa pensava esattamente quando ha dipinto questa luna inquadrata?
Siamo di fronte ad un artista di spessore che ha studiato l’arte antica, affascinata da tutta l’arte pittorica e scultorea dal preistorico al rinascimento fino all’arte messicana dei Maya e degli Aztechi e per sua stessa ammissione sono 5 i grandi pittori che l’hanno fatta volare in alto nel suo percorso formativo : Artemisia Gentileschi, pittrice donna del ‘500 di scuola caravaggesca; il grande pittore inglese William Turner, innamorato come lei del cielo e delle nuvole; Vincent Van Gogh che con il suo genio rivoluzionario è stato il primo a dipingere soggetti umili come grano e contadini e soggetti naturali come fiori e cieli notturni; Frida Khalo per la sua grande sensibilità umana e Pablo Picasso per il suo modo inconfondibile di essere un visionario
Dal 2015 Barbara ha scelto di dedicarsi completamente alla sua vocazione per la pittura trasformandola in un lavoro a tempo pieno e nel novembre 2016 ha inaugurato a Casalecchio di Reno il suo negozio e atelier “ Laboratorio d’Arte BAM” che diventa la culla del suo genio poetico trasferito nella pittura
Nel suo Laboratorio Barbara organizza con grande successo dei corsi di “ Pittoscultura” per adulti e bambini, dove proprio i bambini diventano i veri protagonisti di un proverbio mai passato di moda ‘impara l’arte e mettila da parte’
Imparare a disegnare prima o poi, non solo diventa propedeutico a dipingere ma può tornare utile per la vita pratica, quante volte capita di non riuscire ad esprimere un concetto perché mancano le parole giuste per farsi capire e allora ecco che un buon disegno può far vedere ciò che con le parole non riuscivi ad esprimere
Ah .. dimenticavo, Barbara ha una bellissima figlia di nome Giada di 11 anni che da come dipinge e disegna supererà di sicuro in bravura la mamma .. ma si sa i bambini sono il futuro!

Barbara Marchi BAM .. learn the art and put it aside

Barbara Marchi was born in 1972 in the historic center of the “DottaBologna (for her university, the Alma Mater Studiorum, founded in 1088, as well as the first university in the western world)
She began to draw, paint and feed on art and culture even before she was able to write her name before attending the Artistic High School and the Higher Institute for the Artistic Industries with address Design ceramic
Starting from the study of the art of ceramics and contemporary design, she approaches her artistic vocation “the material world of painting” and after several experiments with different techniques and materials, she arrives at the technique that will consecrate her as an artist, that is, the use of spatula stucco on canvas
Hence, a poor material such as stucco becomes the real protagonist of this brilliant artist who spreads it on the whole canvas and then works it with fingers and spatula, creating a “pictorial sculpture” which, thanks to the use of acrylics, brings out a perfect chromatic expression where full and strong shades manage to convey a warm emotional impact capable of making visible the inner essence of this artist
In this regard, her “broken hearts” are admirable, one of which was chosen by the critic Vittorio Sgarbi for the competition “I mille di Sgarbi 2019”
The countryside where she now lives is a great source of inspiration for her and the hills and plains of Emilia allow her to give us wonderful sunrises and sunsets not to mention the bare trees that in the winter mists evoke ghosts or incredible abstract panoramas
Not to mention the animals she portrays .. they seem to come out of the canvas to purr or cuddle
The Moon deserves a separate discussion, which she portrays in a sublime way so much to ask but what exactly did she think when she painted this framed moon?
We are facing a thick artist who studied ancient art, fascinated by all the pictorial and sculptural art from prehistoric to the Renaissance to the Mexican art of the Maya and Aztecsand by her own admission, 5 great painters who made her fly high in her training path
Artemisia Gentileschi, 16th century female paintress of the Caravaggesque school; the great English painter William Turner, like her in love with the sky and the clouds; Vincent Van Gogh who with his revolutionary genius was the first to paint humble subjects such as wheat and peasants and natural subjects such as flowers and night skies; Frida Khalo for her great human sensitivity and Pablo Picasso for his unmistakable way of being a visionary
Since 2015 Barbara has chosen to devote herself entirely to her vocation for painting by transforming it into a full-time job and in November 2016 she inaugurated her shop and atelier “Laboratorio d’Arte BAM” in Casalecchio di Reno (BO) which becomes the cradle of her genius poetic transferred to painting
In her workshop Barbara organizes “pictorial sculpture” courses for adults and children with great success, where children become the real protagonists of a proverb that never went out of fashion “learn art and put it aside”
Learning to draw sooner or later, not only becomes preparatory to painting but can be useful for practical life, how many times it happens not to be able to express a concept because the right words are missing to make yourself understood and then here is that a good drawing can show what with words you could not express
Ah .. I forgot, Barbara has a beautiful 11-year-old daughter named Giada who, as she paints and draws, will surely surpass her mother’s skills .. but you know children are the future!

For more information:

Website
Instagram
Facebook Barbara Marchi Art
Facebook Laboratorio d’Arte BAM

Laboratorio d’Arte BAM
Via Porrettana, 377/d
40033, Casalecchio di Reno (BO)
ITALY

 

Betty Rose Kurc – Che bello il mondo visto con gli occhi di una bimba

Betty Rose Kurc è nata a Rio de Janeiro nel 1954 e discende da famiglie di russi e polacchi arrivati in Brasile tra le due grandi guerre
Ha vissuto per buona parte della sua vita a San Paolo, la più grande città del Brasile e da quando è andata in pensione si è trasferita a São Vicente, sulla costa dello stato di São Paulo
Ha iniziato a disegnare e dipingere fin da bambina e nonostante abbia studiato in una scuola di disegno tecnico e all’università in comunicazione e marketing, ancora oggi quando dipinge continua a vedere il mondo con gli occhi di una bimba
E questa sua visione ci trasmette un disegno colorato e infantile che semplifica le forme e gli conferisce un colore speciale e vibrante, la vera essenza dell’arte naif a cui lei dona un tocco urbano e non rurale come spesso si trova
Ha lavorato in grandi aziende, producendo libri, cartoni animati, fumetti e anche come designer di gioielli
All’inizio della sua attività di pittrice ha fatto mostre in gallerie ma ora preferisce presentare i suoi lavori direttamente in strada
Dal 2017 lavora anche in una fiera d’arte e artigianato organizzata dalla città di Santos, il porto più grande del Brasile

 

How beautiful the world seen through the eyes of a little girl

Betty Rose Kurc was born in Rio de Janeiro in 1954 and descended from families of Russians and Poles who arrived in Brazil between the two great wars
She lived for most of her life in São Paulo, the largest city in Brazil and since retiring she has moved to São Vicente, on the coast of the state of São Paulo
She started to draw and paint since she was a child and despite having studied in a technical drawing school and university in communication and marketing, even today, when she paints, she continues to see the world through the eyes of a little girl
And this vision conveys a colorful and childish design that simplifies the shapes and gives it a special and vibrant color, the true essence of naive art to which she gives an urban and non-rural touch as often found
She has worked in large companies, producing books, cartoons, comics and also as a jewelry designer
At the beginning of her activity as a paintress, she made exhibitions in galleries but now she prefers to present her works directly on the street
Since 2017 she has also worked in an art and craft fair organized by the city of Santos, the largest port in Brazil

 

Quão bonito o mundo é visto através dos olhos de uma criança

Betty Rose Kurc nasceu no Rio de Janeiro em 1954 e descendia de famílias de russos e poloneses que chegaram ao Brasil entre as duas grandes guerras
Ela viveu a maior parte de sua vida em São Paulo, a maior cidade do Brasil e, desde que se aposentou, mudou-se para São Vicente, no litoral do estado de São Paulo.
Ela começou a desenhar e pintar desde criança e, apesar de ter estudado em uma escola de desenho técnico e universidade em comunicação e marketing, ainda hoje, quando pinta, continua vendo o mundo através dos olhos de uma criança.
E essa sua visão transmite um design colorido e infantil que simplifica as formas e confere uma cor especial e vibrante, a verdadeira essência da arte ingênua à qual ela dá um toque urbano e não rural, como frequentemente encontrado
Ele trabalhou em grandes empresas, produzindo livros, desenhos animados, quadrinhos e também como designer de jóias
No início de sua atividade como pintora, fez exposições em galerias, mas agora prefere apresentar seus trabalhos diretamente na rua
Desde 2017, ele também trabalha em uma feira de arte e artesanato organizada pela cidade de Santos, o maior porto do Brasil

 

For more information:

Instagram
Facebook

To buy paintings, contact her directly through her social pages

Jihan Jundi Art

Jihan Jundi è un’artista siriana nata a Homs e vive a Dubai da 17 anni
Ha studiato ingegneria civile, ma la sua passione era e sarà per sempre l’arte
Ha iniziato ad amare il disegno e la pittura fin da quando era piccola, ma poi come spesso accade la vita impedito di continuare a coltivare la sua passione dovendo fare altro
Poi come spesso accade a chi ha l’arte nel sangue, Jihan quattro anni fa ha sentito un desiderio impellente di tornare a dipingere e così ha fatto, per la gioia di chi oggi può ammirare le sue opere
Dipinge di tutto e soprattutto su richiesta è in grado di dipingere meravigliosi dipinti personalizzati
Può essere contattata direttamente attraverso la sua pagina Instagram

 

 

 

Jihan Jundi is a Syrian artist born in Homs and has lived in Dubai for 17 years
She studied civil engineering, but her passion was and will always be art
She started to love drawing and painting since she was a child, but then as often happens life prevented from continuing to cultivate her passion by having to do something else
Paintings
Then, as often happens to those who have art in their blood, Jihan four years ago felt an urgent desire to go back to painting and did so, to the delight of those who today can admire her works
She paints everything and especially on request she is able to paint wonderful personalized
She can be contacted directly through her Instagram page

Instagram

Pieces of life of Anne Kristina

Anne Kristina è nata a Pori 47 anni fa e vive a Nurmijarvi, dove è mamma di una famiglia numerosa
Ama la natura e gli animali, mentre il mare e la foresta sono il suo paradiso e per cinque mesi all’anno vive con tutta la famiglia su di una piccola casa su ruote di fronte ad un isola, ed è qui che nasce la sua creatività, in questo luogo che lei considera il migliore al mondo
Disegna da sempre e ha studiato arti visive all’Università della Lapponia, anche se dopo una pausa ha ripreso circa sei anni fa a disegnare e dipingere e da tre anni dipinge in pratica ogni giorno raccontando i suoi “ pezzi di vita “
Suo padre pure lui pittore, mancato purtroppo due anni fa ha influenzato non poco la sua vena creativa insegnandole l’Abc del vivere appieno la vita : ” la bellezza è ovunque e non esiste la perfezione, per cui ama, sorridi e aiuta gli altri perché non costa nulla! “
Le piace fare jogging, nuotare, viaggiare e il calcio e l’hockey sono le sue due grandi passioni
Anne Kristina lavora anche come assistente di sostegno per bambini con bisogni speciali e il suo sogno di diventare insegnante d’arte è diventato realtà

Attraverso il suo negozio online è possibile acquistare non solo disegni e dipinti, ma anche magliette e tazze da caffè personalizzate

 

 

Anne Kristina was born in Pori 47 years ago and lives in Nurmijarvi, where she is the mother of a large family
She loves nature and animals, while the sea and the forest are her paradise and for five months a year she lives with the whole family on a small house on wheels facing an Island, and it is here that her creativity is born, in this place that she considers the best in the world
She has always drawn and studied visual arts at the University of Lapland, even if after a pause she resumed drawing and painting about six years ago and for three years she has been practicing every day telling her “pieces of life”
Her father, also a painter, who unfortunately passed away two years ago has influenced her creative vein by teaching her the ABC of living life fully: “ beauty is everywhere and there is no perfection, so love, smile and help others because it costs nothing! “
She enjoys jogging, swimming, traveling and football and hockey are her two great passions
Anne Kristina also works as a support assistant for children with special needs and her dream of becoming an art teacher has come true

Through her online store it is possible to purchase not only drawings and paintings, but also personalized shirts and coffee mugs

 

Instagram Page
Facebook Page
Website
Shop on line

Marija Peti-Božić

Marija è nata nel 1956 a Molve in Croazia, ha iniziato già da bambina a dipingere, e dal 1975 ha trasformato questa sua passione in una ragione di vita, anche se la sua vera professione è quella di impiegata amministrativa
La sua arte è stata influenzata dalla scuola di Hlebine e ama in modo particolare dipingere su vetro che è ancora oggi la sua forma prediletta per ritrarre immagini della campagna,paesaggi estivi, autunnali ed invernali, motivi floreali e quelli legati al Natale
Ha tenuto la sua prima mostra nel 1975 a Hlebine e nel 1980 la sua passione per la pittura si è trasformata in una vera e propria professione diventando una delle più apprezzate pittrici naif della Croazia
Da allora ha tenuto 19 mostre personali e oltre 100 mostre collettive in Croazia e nel mondo, partecipando a numerose campagne umanitarie e ricevendo un gran numero di riconoscimenti e apprezzamenti
Le sue opere si trovano in collezioni private in Croazia e nel mondo
Dal 2008 vive e lavoro nello studio di Bale/Valle in Castel 68, mentre i suoi dipinti sono esposti durante tutto l’anno alla Galleria privata di Rovigno in Grisia 24

 

 

 

Marija was born in Molve in Croatia in 1956, she started painting as a child, and since 1975 she has transformed this passion into a reason for living, even if her real profession is that of administrative employee
Her art was influenced by the school of Hlebine and she loves in particular to paint on glass which is still her favorite form to portray images of the countryside, summer, autumn and winter landscapes, floral motifs and those related to Christmas
She held her first exhibition in 1975 in Hlebine and in 1980 her passion for painting turned into a real profession becoming one of the most appreciated naive painters in Croatia
Since then she has held 19 solo exhibitions and over 100 collective exhibitions in Croatia and around the world, participating in numerous humanitarian campaigns and receiving a large number of awards and appreciation
Her works are found in private collections in Croatia and worldwide
Since 2008 she has lived and worked in the studio in Bale / ValleCastel 68, while her paintings are exhibited all year round at the private gallery of RovinjGrisia 24

Atelje Bale/Valle
Castel 68
Croazia
+385 99 6523 040

Per maggiori informazioni :
Instagram
Facebook

Paola Meneghetti .. quando la pittura diventa poesia

Paola Meneghetti è nata a Milano il 29/06/1948, vive e lavora in provincia di Bergamo (Italy)
Il suo talento artistico si sviluppò dall’età di 11 anni con la prima esposizione personale; in seguito arricchì il proprio talento frequentando svariate accademie d’arte fino al raggiungimento di una maturità artistica che le consentì di entrare a pieno titolo nel mondo contemporaneo dell’arte
Pittrice poliedrica e dalla forte sensibilità, la sua produzione ed evoluzione artistica è sempre stata guidata da un profondo percorso di ricerca interiore, che ha portato ad una maturazione stilistica passando dal figurativo paesaggistico dei primi tempi, ai più recenti e ricercati temi Naïf
Nei suoi quadri naif si può percepire una componente autobiografica di questa artista che ha con il tempo sviluppato una passione per gli Angeli che ha saputo inserire con incredibile maestria non solo nelle opere naif ma anche e soprattutto nelle pitture sacre
Bellissimi anche i suoi luminosi paesaggi delle coste italiane e greche, a guardarli bene sembra di essere proprio lì nei luoghi raffigurati
Nel 2020 Paola festeggerà i 45 anni di esposizioni, avendo tenuto la sua prima mostra personale nel 1975
Sue opere sono presenti permanentemente nel:
The National Museum of Women in the Arts Washington D.C. (USA)
Municipio di Lugano (Svizzera)

Per maggiori informazioni :
Sito web
Instagram
Facebook

Paola Meneghetti was born in Milan on 06/29/1948, she lives and works in the province of Bergamo (Italy)
Her artistic talent developed from the age of 11 with the first personal exhibition; later she enriched her talent by attending various art academies until she reached an artistic maturity that allowed her to fully enter the contemporary art world
A multifaceted painter with a strong sensitivity, her production and artistic evolution has always been guided by a deep path of inner research, which led to a stylistic maturation passing from the figurative landscape of the early times, to the most recent and sought-after Naïf themes.
In her naive paintings you can perceive an autobiographical component of this artist who over time has developed a passion for the Angels who has been able to insert with incredible skill not only in naive works but also and above all in sacred paintings
Her bright landscapes of the Italian and Greek coasts are also beautiful, looking at them well it seems to be right there in the places depicted
In 2020 Paola will celebrate 45 years of exhibitions, having held her first solo exhibition in 1975
Her works are permanently present in:
The National Museum of Women in the Arts Washington D.C. (USA)
Municipio di Lugano (Svizzera)

For more information :
Website
Instagram
Facebook

Cellia SAUBRY

Cellia Saubry o più comunemente Célia è nata a Rouen nel 1938
Ha iniziato a dipingere giovanissima incoraggiata dalla zia, quotata artista professionista
Si è trasferita molto giovane a Parigi dove si è sposata ed ha cominciato a dipingere con continuità senza peraltro esporre le sue opere per molti anni
Ha iniziato ad esporre le sue opere solo nel 1972 presso la Galerie Antoniette, poi dal 1980 al 1997 i suoi dipinti sono stati esposti alla Gallery Naifs et Primitifs di Parigi e fino al 1986 alla Gallery Naifs et Primitifs di New York; è stata invitata anche ad esporre le sue opere al Musée Huis Ten Bosh di Nagasaki in Giappone
I suoi lavori sono stati presentati in molte Fiere d’arte ed esibizioni, soprattutto a Basilea
La sua pittura si basa su tecnica e colori raffinati con cui dipinge delle vedute molto caratteristiche di Parigi che traggono ispirazione dalla vita di tutti i giorni, nonché dei bellissimi scorci di Provenza

 

 

Cellia Saubry or more commonly Célia was born in Rouen in 1938
While very young she began drawing with her uncle, a professional artist
As a young woman, she moved to Paris and was married; she began to paint seriously but for many years did not display her work
Finally, in 1972 she decided to exhibit her paintings, and they went on display at Galerie Antoinette
From 1980 to 1997 her work was on exhibit at Gallery Naifs et Primitifs in Paris, and at Gallery Naifs et Primitifs in New York City until 1986
Her work has been presented at many international art fairs and exhibits, pariticulary in Basel
Her painting is based on technique and refined colors with which she paints very characteristic views of Paris that draw inspiration from everyday life, as well as the beautiful views of Provence