Archivi tag: Verona

Verona – Mostra Mercato del disco e del fumetto 2016

Verona2016-fumetto-discoDomenica 13 marzo 2016 presso la Fiera di Verona si terrà la mostra mercato del disco e del fumetto che offrirà agli appassionati del genere un’intera giornata per riassaporare le emozioni che solo i vecchi dischi in vinile o gli albi delle vecchie avventure sanno trasmettere.
La mostra che conta su di un nutrito parterre di espositori (oltre 130) sarà in grado di soddisfare non solo il semplice ascoltatore ma anche il collezionista che si aggirerà tra i banchi degli espositori alla ricerca del pezzo raro o della chicca che potrà completare la propria collezione.
Saranno esposte rarità riferibili ai Beatles, Rolling Stones, Led Zeppelin, U2, Pink Floyd, Patti Smith , Bruce Springsteen, e a molti altri, anche se uno degli artisti più gettonati in assoluto è il Re del rock’n’roll Elvis Presley i cui Extended Play (i 45 giri con più di due canzoni) stampati in Italia tra la fine degli anni ’50 e l’inizio dei ’60 sono pezzi ricercatissimi, così come i primi singoli di Bono pubblicati nel 1978 e 1979 che hanno assunto la nomea di “introvabili”.
Tra i nostrani i più gettonati sono sicuramente : Lucio Battisti, Renato Zero, Vasco Rossi, Lucio Dalla e Zucchero.
Per gli amanti dei fumetti la mostra consentirà un vero e proprio tuffo nel passato per incontrare molti personaggi “cult” del mondo del fumetto, tra cui il mitico Topolino e i sempre verdi Alan Ford e Tex, e l’esilarante Lupo Alberto.
All’interno dei padiglioni della fiera durante la manifestazione verranno organizzati tornei di videogiochi e karaoke (con le sigle dei cartoni animati più famosi).
Mentre il gruppo ‘’BHC’’ organizzerà una Cosplay Convention.
I ’BHC’’ sono un gruppo di cosplayers tra i più apprezzati e conosciuti nel panorama del cosplay italiano, organizzano contest nelle varie fiere nazionali e intrattengono il pubblico e i partecipanti con autentica comicità e professionalità.

Orari e prezzi:
la mostra sarà aperta dalle 10 alle 19 e prevede un punto ristoro al suo interno.
Il costo del biglietto d’ingresso sarà di 5 euro per l’intero e di 4 euro per il ridotto.

Invito all'assaggio 6 bottiglie di Prosecco di Valdobbiadene Superiore DOCG con spedizione gratuita!

Capodanno 2016 – Parigi e Roma le mete più gettonate su Venere.com

Invito all'assaggio 6 bottiglie di Prosecco di Valdobbiadene Superiore DOCG con spedizione gratuita!

venere-logo-200x200Dopo il Natale trascorso in famiglia gli Italiani per Capodanno amano volare nelle grandi capitali europee o scoprire i tesori offerti dalle città d’arte italiane: sono questi i risultati dell’analisi effettuata da Venere.com, lo specialista europeo dell’accomodation online, sui trend delle prenotazioni per i soggiorni di Capodanno.

EUROPA
Nonostante i recenti fatti di cronaca, in testa alle preferenze per le vacanze in Europa a cavallo tra il vecchio ed il nuovo anno rimane Parigi.
La magia della capitale francese, con le sue luci e le sue atmosfere romantiche, conquista infatti la vetta della classifica delle mete europee più prenotate su Venere.com.
Al secondo posto un’altra meta classica nelle preferenze degli Italiani in vacanza, Barcellona.
La città spagnola è da sempre sinonimo di allegria e divertimento e quale miglior destinazione per trascorrere la notte più lunga dell’anno?
Il terzo gradino del podio rappresenta invece una vera e propria sorpresa: Monaco di Baviera ha infatti superato non soltanto la connazionale Berlino, ma persino Londra nelle preferenze degli Italiani a Capodanno.
Tra cenoni, feste con giri di valzer e grandi padiglioni per la disco-music, la città tedesca offre un’ottima alternativa ai classici veglioni nelle capitali europee.
Chiudono la top 5 Londra, da sempre una delle capitali più apprezzate nel periodo natalizio, e Amsterdam, i cui canali si arricchiscono di magia con le luminarie ed i brindisi al nuovo anno.
Questa la classifica completa delle 10 mete europee più prenotate dagli utenti italiani di Venere.com:

capodanno1

ITALIA
Qualche giorno alla scoperta di una città d’arte italiana è quello che ci vuole per iniziare al meglio il nuovo anno, secondo gli utenti di Venere.com.
Roma occupa saldamente il primo posto della classifica delle mete italiane più prenotate a Capodanno e, complice anche il Giubileo, si appresta ad ospitare un gran numero di turisti in occasione delle festività.
Medaglia d’argento per Firenze, una delle città d’arte più amate, che anche in occasione dei festeggiamenti della fine dell’anno sarà tra le destinazioni preferite dagli Italiani.
Al terzo posto le atmosfere romantiche di Venezia, dove, allo scoccare della mezzanotte, è tradizione da diversi anni un grande bacio collettivo tra coppie di tutto il mondo: un appuntamento imperdibile per gli innamorati!
Il folclore dei festeggiamenti partenopei porta Napoli al quarto posto della classifica, mentre chiude la top 5 la città di Torino, dove tra cenoni, fuochi d’artificio e balli, il Capodanno si preannuncia un evento da non perdere.
Questa la classifica completa delle 10 città italiane più prenotate dagli utenti italiani di Venere.com:

capodanno2

Doccia Gel

Verona – Mostra Mercato del disco e del fumetto

disco2Domenica 12 aprile presso la Fiera di Verona si terrà la mostra mercato del disco e del fumetto che offrirà agli appassionati del genere un’intera giornata per riassaporare le emozioni che solo i vecchi dischi in vinile o gli albi delle vecchie avventure sanno trasmettere.
La mostra che conta su di un parterre di oltre 130 espositori sarà in grado di soddisfare non solo il semplice ascoltatore ma anche il collezionista che si aggirerà tra i banchi degli espositori alla ricerca del pezzo raro o della chicca che potrà completare la propria collezione.
Saranno esposte rarità riferibili ai Beatles, Rolling Stones, Pink Floyd, Patti Smith e molti altri, anche se uno degli artisti più gettonati in assoluto è il Re del rock’n’roll Elvis Presley i cui Extended Play (i 45 giri con più di due canzoni) stampati in Italia tra la fine degli anni ’50 e l’inizio dei ’60 sono pezzi ricercatissimi.
Per gli amanti dei fumetti la mostra consentirà un vero e proprio tuffo nel passato per incontrare molti personaggi “cult” del mondo del fumetto, tra cui il mitico Topolino e i sempre verdi Alan Ford e Tex.
All’interno dei padiglioni della fiera durante la manifestazione verrà organizzato un vero e proprio torneo di Cosplay.

Orari e prezzi:
la mostra sarà aperta dalle 10 alle 19 e prevede un punto ristoro al suo interno.
Il costo del biglietto d’ingresso sarà di 5 euro per l’intero e di 4 euro per il ridotto.

Fiera del Disco
Per i soli amanti del disco il prossimo appuntamento è per il 18 e 19 aprile quando presso l’Hotel Plaza Crowne Via K. Adenauer 3 a San Donato Milanese si terrà la Fiera del disco.
La mostra sarà aperta dalle ore 10 alle 19 e nel corso della manifestazione sabato 18 alle ore 16 in una sala dell’Hotel Plaza Crowne si terrà una interessantissima tavola rotonda/dibattito dal tema: “ Cinquanta anni fa … i BEATLES in Italia, come cambiò la musica dei giovani “ che vedrà la partecipazione di alcuni artisti tra cui : Carmelo La Bionda, Ricky Gianco, Livio Macchia dei Camaleonti, Pietruccio Montalbetti dei Dik Dik.

Entrambe le manifestazioni sono organizzate dall’Associazione culturale Kolosseo.
Per maggiori informazioni: http://www.kolosseo.com

Vini Cantina Dogarina

Verona – 49° edizione VINITALY

Promozioni su La Feltrinelli.it

V6Quella che si apre oggi a Verona sarà un’edizione di Vinitaly all’insegna del business,dell’incoming b2b e dei focus sui Paesi più importanti per il consumo presente e futuro del vino. Importanti presenze istituzionali ad incontri organizzati per affrontare i temi normativi più stringenti per il settore vitivinicolo, che vale oltre 10 miliardi di euro dei quali 5,1 di export.
Un Vinitaly fortemente proiettato al business, all’incontro con delegazioni e con un calendario di incontri b2b, seminari e degustazioni professionali in grado di dare risposte concrete per le strategie commerciali del settore enologico.
L’evento più atteso dalle cantine e dai produttori, dagli operatori del comparto e dall’intero mondo del vino e dei distillati sarà in grado di offrire quattro giorni ricchi di emozioni, pieni di incontri e convegni; Vininternational sarà il padiglione dedicato a più di 70 espositori esteri dai principali Paesi produttori, mentre l’International Buyers’ Lounge sarà la nuova area creata per favorire relazioni e scambi commerciali, Vinitalybio sarà invece il salone specializzato sui vini biologici certificati.
In contemporanea a Vinitaly si svolgeranno Sol&Agrifood ed Enolitech, i due saloni dedicati all’eccellenza del food e alle tecnologie per la viticoltura, l’enologia e l’olivicoltura made in Italy.
Vinitaly è la manifestazione che più d’ogni altra ha scandito l’evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale ed internazionale, contribuendo a fare del vino una delle più coinvolgenti e dinamiche realtà del settore primario.
Un ruolo importante nel contatto tra professionisti del settore e produttori viene svolto a Vinitaly dalle grandi degustazioni organizzate.
Certamente la degustazione più esclusiva di quest’anno è il seminar executive con la verticale di Cheval Blanc e Petit Cheval proposta da Vinitaly International Academy.
Sempre della VIA altri due executive seminar : il primo è ‘Come si modifica un vino a contatto con l’ossigeno: Arneis, Barbaresco e Barolo e il sistema Coravin’ ; il secondo ‘TheGood, theBadand the Ugly of Artisanal Wines’ con vini esteri e italiani, che per la prima volta definirà cosa sono e farà il punto sulle effettive qualità organolettiche dei vini artigianali.

Orari e prezzi
Continuato dalle 9.30 alle 18.30
Biglietto:
Giornaliero: € 60 – Online € 55
Abbonamento 4 giornate (validità un ingresso per ciascun giorno): € 100 – Online € 90

I NUMERI DEL VINO ITALIANO

  • Aziende vitivinicole italiane:circa380.000, 23%sul totale imprese agricole
  • Produzione 2014 (stima Assoenologi): 40 milioni hl di vino (-17% rispetto al 2013)
  • Ettari vitati: 665.000 (5% della SAU, Superficie Agricola Utilizzata) – di cui 48% docge doc e 27% igt
  • In Italia si contano:73 docge 332 doc e 118 igt
  • Fatturato del vino: 10-12 miliardi di euro, dei quali 5,1 derivanti dall’export.

 ITALIA rispetto al MONDO

– 1° esportatore di vino (20,5 milioni hl; 21% del mercato mondiale)
– 2° esportatore in valore (oltre 5,1 miliardi di euro nel 2014)
– per volume e valore, 1° esportatore negli Usa -1,1 miliardi di euro e quota di mercato del 35% – e in Germania poco meno di 1 miliardo di euro e quota di mercato del 30%
– per volume, 1°esportatore nel Regno Unito.

Elaborazione dati Servizio stampa Veronafiere/Vinitaly, fonti varie – Credits: Foto Ennevi 

i migliori vini Italiani

ComproBio Sconto 20

Tosi accende i fari nella nebbia!

ComproBio Sconto 20

T6La querelle che ha portato alla rottura tra il sindaco di Verona Flavio Tosi e il segretario della Lega Nord Matteo Salvini (che di fatto lo ha espulso dal movimento) è stata letta da molti osservatori politici come incomprensibile ma invero non è niente altro che un passaggio dovuto per un politico che da grande vorrebbe fare addirittura il Premier.
Per ben capire quanto è successo in questi giorni è necessario fare un passo indietro, a quel 6 ottobre 2013 quando dal Palabam di Mantova, Flavio Tosi lancia la Fondazione “Ricostruiamo il Paese”.
L’obiettivo della Fondazione è quello di organizzare le primarie nazionali del Centro Destra e di sostenere la candidatura di Tosi a leader della coalizione, un progetto politico a dir poco ambizioso supportato dalla creazione su tutto il territorio nazionale di una rete di comitati provinciali: i Fari.
Appare quindi del tutto evidente che un politico che si propone di “ ricostruire il Paese “ da una futuribile posizione di Premier non possa pensare di vedersi relegato al ruolo di comprimario ( per di più scomodo ) nelle ormai imminenti elezioni regionali che riguarderanno la sua regione, quel Veneto dove il buon Tosi pensa di poter fare la voce grossa non fosse altro per il ruolo che gli compete come segretario nazionale della Liga Veneta.
L’ambizione personale, seppur legittima, a volte fa andare oltre la buona curanza di rispettare il lavoro degli altri, l’interesse generale del proprio movimento e non da ultimo il desiderio di tutti quegli elettori che vorrebbero veder riconfermato alla guida della regione un governatore che ha ben operato durante il suo mandato.
Vi è poi un aspetto tecnico non secondario, il sindaco Tosi ha scelto a suo tempo (nel 2012) di riproporsi come primo cittadino della sua Verona, avendo quindi ben chiaro l’impegno che lo avrebbe atteso in caso di rielezione per i prossimi cinque anni.
Forse il sindaco di Verona ha pensato che per iniziare a cavalcare l’onda che dovrebbe portarlo nel suo immaginario a governare l’Italia non vi fosse miglior cosa che utilizzare una probabile elezione a governatore del Veneto come ulteriore trampolino di lancio verso la sua tappa di avvicinamento a Palazzo Chigi.
Tutto legittimo, peccato che la regione Veneto arrivi da cinque anni di buon governo del presidente Zaia e che quindi la sua riconferma diventi un passaggio obbligato per la Lega Nord che non dovrebbe avere grosse difficoltà a mantenere il governo di questa regione.
Il sindaco Tosi di mestiere fa il politico a tempo pieno e quindi sorprende non poco che un politico di lungo corso come lui ( è in politica da venti anni ) non abbia colto come la rinascita record della Lega Nord ( dopo le penose vicende di Belsito & company) ottenuta grazie al nuovo modo di porsi del segretario Salvini abbia di fatto seppellito nelle nebbie della Padania il “Patto del Pirellone” siglato nel dicembre del 2013 tra il segretario uscente della Lega Nord Maroni e i due astri nascenti Tosi e Salvini, patto che prevedeva per Salvini la segreteria del partito e per Tosi la candidatura a premier nelle primarie del centrodestra alle prossime elezioni politiche.
E così al sindaco costretto all’angolo non resta che una via (che sa un po’ di suicidio politico), quella di candidarsi contro quel movimento che lo ha visto prima militante e poi protagonista della scena politica per più di un ventennio; ma la storia della Lega Nord insegna che chi si è allontanato negli anni per trovare nuove strade ha finito sempre per perdersi!
Tosi avrà pure acceso i fari ma la nebbia che lo avvolge ha di fatto già spento la sua corsa!

Linea Honeymania