Archivi tag: evidenza

E’ sempre tempo di un Irish coffee!

irish11Cosa c’è di meglio che degustare un buon Irish coffee, la tradizionale bevanda irlandese capace di scaldare il nostro animo con il suo sapore deciso e quella cremosità che lo rende inconfondibile!
In Irlanda si dice che per fare un perfetto Irish coffee serva la panna montata “ricca come l’accento irlandese”, il caffè “forte come la mano di un amico” e il whiskey, rigorosamente irlandese, “liscio come lo spirito della terra”.
Ma come è nato l’Irish Coffee?
Era il lontano 1943 e dall’allora aeroporto di Foynes (che verrà poi chiuso nel 1945 per lasciare spazio al nuovo Areoporto Internazionale di Shannon) una notte d’inverno partì un volo con destinazione New York.
A causa delle cattive condizioni del tempo il comandante dell’aereo prese la decisione dopo un paio di ore di volo di fare rientro a Foynes e così venne allertato il personale di terra affinchè ritornasse in aeroporto per accogliere i passeggeri e servire loro cibi e bevande.
Alcuni passeggeri chiesero al barman Joe Sheridan di servire loro qualcosa di molto caldo e Joe che solitamente serviva agli irlandesi tè caldo corretto con whiskey decise di inventare per questi passeggeri americani la bevanda che di lì a pochi anni avrebbe spopolato nel mondo intero.
Prese un bicchiere a stelo, in modo da evidenziare il contrasto dei colori, e vi versò un cucchiaino di zucchero di canna, una buona dose di Wiskey irlandese, caffè nero bollente e uno strato di panna montata irlandese.
Uno dei passeggeri rimasto piacevolmente impressionato dalla bontà della bevanda si avvicinò al barman e gli chiese se avesse usato per prepararla caffè brasiliano e Joe rispose sorridendo “ no, è Irish Coffee“ creando i quel momento il nome di una delle più famose bevande al mondo.
Nel 1952 un giornalista americano del San Francisco Chronicle, Stanton Delaplane, di passaggio dall’aeroporto di Shannon assaggiò l’Irish Coffee di Joe e portò la ricetta al suo bar preferito il Buena Vista del Fisherman’s Wharf di San Francisco.
Esiste una targa di bronzo sul muro esterno del Buena Vista per ricordare che il primo Irish Coffee fu servito lì nel 1952. Oggi in questo bar vengono serviti più di 2000 Irish Coffee al giorno.
Il barman Joe Sheridan nacque nel 1909 a Castelderg nella Contea di Tyrone nell’Irlanda del Nord, primo di sei figli, si trasferì a Dublino dopo la morte del padre per lavorare in un ristorante e quindi nel 1943 accettò il posto di barman nel Lounge dell’aeroporto di Foyes, per proseguire l’attività nell’aeroporto di Shannon quando quello di Foyes venne chiuso.
Nel 1952 emigrò in America dove fu chiamato a ricoprire il ruolo di primo barman al Buena Vista di San Francisco, morì nel 1962 ed è sepolto nel cimitero di Oakland vicino a San Francisco.

Ogni anno nel mese di giugno la cittadina di Foyes nella Contea di Limerick ospita il Festival dedicato a quella che è diventata una delle più famose bevande del mondo “ l’Irish Coffee “.
L’appuntamento più importante dell’intero Festival è il Power Irish Coffee Making Championship che ogni anno decreta tra i numerosi partecipanti chi è il barman capace di creare il “più buon Irish Coffee“ per l’anno in corso.

La ricetta originale dell’Irish Coffee, tratta da Good Food Ireland

  • 25 ml di whiskey irlandese
  • 1 cucchiaino di zucchero di canna
  • 1 cucchiaio di panna liquida
  • 2 tazzine di espresso
  • acqua calda quanto basta
  • per decorare cacao amaro in polvere e/o un chicco di caffè

visita anche Irish Whiskey Museum

L’Assenzio, la cosa più poetica al mondo..

Che differenza c’è tra un bicchiere d’assenzio ed un tramonto?
Oscar Wilde aveva la risposta: “Un bicchiere d’assenzio è la cosa più poetica al mondo”.
Così Londra scopriva l’esaltazione di  quello che Baudelaire battezzerà  la Fata Verde nella Parigi creativa e scapigliata dei suoi tempi.

liscio: si beve direttamente come tale, servito in un bicchiere piccolo.
alla francese: è il rituale classico. Si versa nel bicchiere una dose di assenzio, si appoggia un cucchiaino apposito, forato con una zolletta di zucchero sopra, e con una brocca, si fa gocciolare dell’acqua ghiacciata.
flambè o bohemiènne: si mette prima di tutto il cucchiaino con lo zucchero sopra il bicchiere, si versa l’assenzio bagnando la zolletta di zucchero, fatto questo si incendia la zolletta in modo che il fuoco caramelli lo zucchero che gocciolando infiamma anche l’assenzio, quindi si allunga la miscela con acqua.

L’absinthe, in italiano assenzio,una delle mode che caratterizzarono la fine dell’Ottocento, è un liquore ad alta gradazione alcolica 68º, che si presenta in colore verde smeraldo o verde chiaro ottenuto dalla Artemisia Absinthium, una pianta spontanea che cresce in gran parte dell’Europa e particolarmente in Italia, dove è nota anche come “artemisia maggiore o romana”.
L’assenzio, liquore proibito prima in Francia poi in quasi tutta Europa, Italia inclusa, è passato alla storia come la bevanda alcolica degli artisti.
Pittori, poeti e scrittori da Shakespeare fino ad Hemingway senza dimenticare i maledetti come Verlaine e Rimbaud che dell’assenzio fecero la loro personale dannazione.
Degas, Van Gogh, Gauguin, Toulouse Lautrec poi Picasso ed il nostro Modigliani.
Tra l’uso e l’abuso, la leggenda nefasta e l’esaltazione a musa ispiratrice,   nel 1915 anno della messa al bando definitiva, l’assenzio sparisce dal quotidiano, sbiadisce nella memoria ferita da due guerre mondiali e resta isolato nei versi maledetti come qualcosa di assolutamente estraneo al mondo moderno che all’alba della pace è già alle prese con altri vizi e piaceri illeciti.
Oggi è nuovamente tornato tra di noi.

Per maggiori informazioni:
Associazione italiana per la tutela dell’assenzio
https://www.assenzioitalia.it/

Irlanda … Galway il regno delle ostriche e del pesce fresco

Aerlingus2

Galway, Cathair na Gaillimhe in gaelico, è una cittadina cosmopolita, amata da scrittori ed artisti e centro della cultura gaelica e della musica tradizionale che si trova nella omonima Contea.
Una delle sue più famose attrazioni è il Salmon Weir Bridge, un ponte sul fiume Corrib dove da metà aprile ai primi di luglio si possono vedere giornalmente i salmoni che risalgono il fiume per andare a deporre le uova.
La sua maggiore notorietà le viene però per essere la città del Festival delle ostriche, che puntualmente si tiene ogni anno nel mese di settembre quando si possono gustare le prime ostriche della nuova stagione.
La stagione delle ostriche inizia a settembre, poiché la regola vuole che le ostriche siano consumate nei mesi che hanno una “ R “ nel nome quindi da settembre ad aprile.
Durante il Festival grandi scorpacciate di ostriche alla tartara e fiumi di birra Guinness, ma anche gare per decretare il più veloce apritore di ostriche.
McDonaghsAl 22 di quay Street nel cuore della città, poco lontano dall’arco spagnolo che si affaccia sul fiume Corrib e nella zona dei negozi, dei pub e dei ristoranti troviamo McDONAGH’S of Ireland un locale tipico dove dal lontano 1902 si mangia e si compra pesce freschissimo.
McDONAGH’S fino ad una decina d’anni fa era aperto già di prima mattina come pescheria, mentre ora è unicamente una friggitoria dove si serve il classico “ fish & chips “ e un ristorante; ma vediamo come lo si può usare al meglio, chiarendo subito che McDONAGH’S è un posto alla buona, paragonabile alle nostre osterie e trattorie in cui l’oste pensa ancora prima di tutto a farci mangiare bene.
Quindi chi cerca un locale alla moda, dove mangiare la cosina o la cosetta sbaglia indirizzo, qui si mangia per davvero e può succedere che ci si sporchi pure d’olio.
Alle 12 apre la friggitoria che rimane aperta fino alle 23, dove si può consumare uno spuntino o un pasto veloce a base di pesce freschissimo.
McDonaghs6Al banco della friggitoria appeso al soffitto troverete un gigantesco pesce che contiene in pratica nella pancia il menu del giorno con i relativi prezzi.
Non vi è servizio al tavolo per cui ognuno dovrà ordinare e quindi accomodarsi sui tavoli posti davanti al banco delle ordinazioni.
I piatti sono tutti ovviamente a base di pesce fritto e vi assicuriamo che il merluzzo ed il nasello sono veramente ottimi, così come l’aringa ed il salmone.
La friggitoria fa anche servizio di “ take away “ per cui volendo è possibile acquistare una o più porzioni di pesce fritto da portare via.
Nell’altra metà del locale dietro un parete in legno vi è il ristorante dove dalle 17 alle 22 dal lunedì al sabato si possono gustare i piatti tipici della baia.
La sala non è molto grande per cui molto spesso capita di dover aspettare un posto a lungo, specie dopo le ore 20, quindi se siete in zona già dal mattino è consigliabile prenotare.
McDonaghs5Le pareti sono affrescate con disegni marinareschi che ricordano la baia di Galway, mentre tutt’intorno ai tavoli sono sistemate antiche attrezzature marinare, reti, nattelli e quadri a soggetto.
Il vino come è consuetudine nel nord Europa è carissimo, mentre se volete cenare sorseggiando una pinta di ottima birra Guinness dovete attraversare la strada ed acquistarla nel pub di fronte, in quanto il ristorante non serve birra.
Tra le varie specialità della casa vi consigliamo l’insalata di salmone fresco, la zuppa di pesce che in realtà come tutte le “ soup irlandesi ” è una crema di pesce e viene servita accompagnata dal classico soda bread ( pane nero fatto in casa ) e burro salato, le cozze gratinate servite con il superlativo garlic bread ( pane all’aglio ) che si differenziano dalle nostre per la loro grandezza, e per finire astici e granchi stufati serviti interi con una salsina alle erbette.
Come avrete capito un ristorante da segnare sulla vostra guida di viaggio.

McDonaghs3

Henna Pajulammi … When Law becomes Art

I always wondered by listening to the harangue of the great lawyers with a fabulous “ars oratoria” if the law is linked to art as an object of discipline, or if the law is itself a form of artistic expression
Looking at the works of the artist that I present to you today and knowing her story I had the confirmation that there is no difference between law and art but rather as in the case of this artist they helped her to carry out her best in perfect symbiosis two activities, that of lawyer and painter
Henna Pajulammi is 37 years old and originally from Seinäjoki, located in the district of Southern Ostrobothnia, but lives and works in Helsinki
In order to become a lawyer and PhD (Doctors of Laws / LL.D), Henna studied practically all her life, first to obtain a law degree and then as a university researcher and the science and research brought her all over the world, having studied at UCLA Law School in California and at the European Academy of Legal Theory in Brussels
As a lawyer she deals mainly with the resolution of corporate disputes but also mainly with the crime of white-collar workers and trade secrets
But in a perfectly juridically oriented business mind there is a creativity that expresses itself through a game of galaxies, champagne bubbles and gingerbread, often using bright colors in her abstract acrylic paintings and mixed technique ( often use the spatula and pieces of cardboard to create sliding ) that allow her to explode her imagination, taking as I believe what Picasso said “I start with an idea and then it becomes something else”
When paints she refuses to “try to be” in the sense that she loves to be free to make her mind float without thinking of having to be perfect at all costs because sometimes it is imperfection that makes us unique and not homologated to others
There is always a story behind one of her paintings, just as in some of her paintings you can find abstract portraits of people who have been able to convey a feeling or even just a “color” that has given way to her imagination
Working as a lawyer provides her with a unique kaleidoscope as an artist, managing to bring the different shades of humanity into her works from an unexpected angle and on the contrary, art helps her in the legal field to think outside the traditional framework and here is that “creativity takes courage” just as the great Henri Matisse said, also him a lawyer
A couple of years ago Henna met her husband who was in that time Minister of Justice of the Finnish government and from this meeting the first encouragement to pursue her dreams started, in practice the first step to becoming an artist
From the wedding a beautiful girl was born and at that moment Henna after being a career-oriented person has had to face an overwhelming change in her life and so the eclectic days at Court in high heels and the “important people” around her have changed to make room for the slow pace of life at home to take care of a small human being
A fantastic world presented itself that has moved something in her soul, and here is the decision to take a break from her work as a lawyer to devote herself to the role of full-time mother
And this gesture of deep love gave her in exchange what she may have had for a long time but she was unable to bring out her creative vein .. she started painting and since then she has never stopped
With this breath of creativity a new Henna was also born where being happy can mean leaving aside high heels to wear the classic Finnish wool socks “villasukat” and feeling comfortable with the paint in her hair
Looking at her paintings it is not very difficult to understand how happy Henna is today, one for all the painting “Got the bubbles back to my champagne” where in her own way she sees in the same photograph the Finnish “Vappu” (May Day) and the Pride parade

Henna Pajulammi .. Quando il Diritto diventa Arte

Mi sono sempre chiesto ascoltando le arringhe dei grandi avvocati dotati di una favolosa “ ars oratoria “ se il diritto si lega all’arte quale oggetto di disciplina, oppure se il diritto è esso stesso una forma di espressione artistica
Guardando le opere dell’artista che vi presento oggi e conoscendo la sua storia ho avuto la conferma che non vi è alcuna differenza tra diritto ed arte ma anzi come nel caso di questa artista l’hanno aiutata a svolgere al meglio in perfetta simbiosi le sue due attività, quella di avvocato e pittrice
Henna Pajulammi ha 37 anni ed è originaria di Seinäjoki , situata nel distretto della Ostrobotnia meridionale, ma vive e lavora a Helsinki
Henna per diventare avvocato e dottore di ricerca ( Doctors of Laws/LL.D) ha studiato praticamente tutta la vita, prima per ottenere la laurea in legge e poi come ricercatore universitario e la scienza e la ricerca l’hanno portata in tutto il mondo avendo studiato alla UCLA Law School in California e presso l’Accademia europea di teoria legale a Bruxelles
Come avvocato si occupa principalmente alla risoluzione di controversie aziendali ma anche principalmente con il crimine dei colletti bianchi e dei segreti commerciali
Ma in una mente perfettamente orientata giuridicamente al business trova spazio una creatività che si esprime attraverso un gioco di galassie, bolle di champagne e pan di zenzero, usando molto spesso colori vivaci nei suoi quadri astratti in acrilico e tecnica mista ( usa spesso la spatola e pezzi di cartone per creare scorrimento ) che le permettono di far esplodere la sua immaginazione, prendendo come credo quello che affermava Picasso “ Comincio con un’idea e poi diventa qualcos’altro “
Quando dipinge rifiuta di “ cercare di essere “nel senso che ama essere libera di far fluttuare la sua mente senza pensare a dover essere perfetti a tutti i costi perché a volte è l’imperfezione a renderci unici e non omologati agli altri
C’è sempre una storia dietro un suo dipinto, così come in alcuni suoi quadri si possono ritrovare ritratti astratti di persone che hanno saputo trasmetterle un sentimento o anche solo un “ colore” che ha dato il via alla sua immaginazione
Lavorare come avvocato le fornisce un caleidoscopio unico come artista, riuscendo a portare le diverse sfumature dell’umanità nelle sue opere da un’angolazione inaspettata e al contrario l’arte l’aiuta in ambito legale a pensare al di fuori degli schemi tradizionali ed ecco allora che “ la creatività prende coraggio “ proprio come diceva il grande Henri Matisse, pure lui avvocato
Henna un paio di anni fa ha incontrato suo marito che all’epoca era Ministro della Giustizia del governo finlandese e da questo incontro è partito il primo incoraggiamento ad inseguire i suoi sogni, in pratica il primo passo per diventare un artista
Dal matrimonio è nata una bellissima bimba e in quel momento Henna dopo essere stata una persona da sempre orientata alla carriera ha dovuto affrontare un cambiamento travolgente nella sua vita e così le giornate eclettiche a Corte in tacchi alti e le “ persone importanti” intorno a lei sono cambiate per lasciare spazio ai ritmi lenti della vita a casa ad accudire un piccolo essere umano
Le si è presentato un mondo fantastico che ha spostato qualcosa nella sua anima, ed ecco allora la decisione di prendere una pausa dal suo lavoro di avvocato per dedicarsi al ruolo di mamma a tempo pieno
E questo gesto di profondo amore le ha regalato in cambio quello che forse da tempo aveva dentro di sé ma non riusciva a far venir fuori, la sua vena creativa .. ha iniziato a dipingere e da allora non si è più fermata
Con questa ventata di creatività è nata anche una nuova Henna dove essere felici può voler dire lasciare da parte i tacchi alti per indossare le classiche calze di lana finlandesi “villasukat “ e sentirsi a proprio agio con la vernice tra i capelli
A guardare bene i suoi quadri non è molto difficile capire quanto oggi sia felice Henna, uno per tutti il quadro “ Got the bubbles back to my champagne “ dove a modo suo lei vede nella stessa fotografia il Finnish “ Vappu “ ( May Day ) e la Pride parade

For more information about Henna Pauljammi :
Website
Instagram page
Facebook page

Les Plus Belles Années d’une vie


E’ stato presentato al Festival di Cannes il nuovo film di Claude LeloucheLes Plus Belles Années d’une vie” che 53 anni dopo “Un uomo e una donna” fa ritrovare i due protagonisti Jean-Louis Trintignant e Anouk Aimée ( 88 anni lui e 86 lei) in un sequel che racconta di come il tempo possa distruggere tutto ma non l’amore!
Oggi, Jean-Louis sta perdendo la memoria e vive in una casa di cura, e suo figlio François chiede allora ad Anna di andare a fargli visita, perché lei è l’unica persona che non ha dimenticato!
Questo film affronta un tema molto delicato: quando invecchi per la società non esisti più!
Niente di più sbagliato!
Certo i protagonisti hanno addosso i segni che gli anni hanno lasciato, ma nel modo in cui si guardano, in cui parlano, in cui si sfiorano  c’è tutta la magia di una relazione tra due persone che non hanno mai smesso di amarsi
Un film da vedere!
Perché quest’uomo e questa donna nel film non vengono percepiti come  un attore e un’attrice, sono riusciti insieme ad attraversare quel palcoscenico magico dove non si finge più

 

 

 

 

Claude Lelouche’s new film “Les Plus Belles Années d’une vie” was presented at the Cannes Film Festival that 53 years later “A man and a woman” brings together the two protagonists Jean-Louis Trintignant and Anouk Aimée (he, 88 and she 86 ) in a sequel that tells how time can destroy everything but not love!
Today, Jean-Louis is losing his memory and living in a nursing home, and his son François then asks Anna to visit him, because she is the only person who has not forgotten!
This film deals with a very delicate subject: when you age for society you don’t exist anymore!
Nothing could be more wrong!
Of course the protagonists are wearing the signs that years have left, but in the way they look at each other, where they speak, where they touch, there is all the magic of a relationship between two people who have never stopped loving each other
A movie to see!
Because this man and this woman in the film are not perceived as an actor and an actress, they managed together to cross that magical stage where they no longer pretend

 

Un soffio di vento .. il nuovo libro di Giuseppe Genta

 

E’ in libreria “ Un soffio di ventoA breath of wind “ il nuovo libro di poesie di Giuseppe Genta
Il libro è in italiano e in inglese
Può essere acquistato nel formato cartaceo nelle librerie della vostra città o nei principali Web Store online, in questo caso lo riceverete a casa vostra dopo pochi giorni, sempre online si può acquistare la versione ebook

 

Questa raccolta di poesie d’amore racconta di un giornalista innamorato della Finlandia (una poesia è dedicata a Helsinki) che trova in questo magnifico Paese non solo paesaggi di rara bellezza ma anche il giusto feeling per rimettere in moto un cuore che aveva perso ogni speranza di amare ancora

E quando ti addormenti abbracciato ad un cuscino bagnato di lacrime, ti accorgi di quanto può essere grande l’Amore, e che la forza che un Amore può avere e dare, è immensa

Dentro il libro c’è tutto ciò che una donna vorrebbe sentirsi dire, tutto ciò che serve per sognare e che può sembrare magari banale, ma che in realtà banale non è, perché una poesia d’amore non è mai soltanto d’amore e non ha un solo significato, ma può averne molti, uno per ciascun lettore

 

Questa la poesia che da il titolo al libro

Un soffio di vento

Sei entrata nella mia vita
Come un soffio di vento
Che alza da terra
Una foglia ingiallita
Bagnata da una pioggia infinita
Poi sei diventata
Il sole necessario
Per asciugarla
Poi ti sei fatta libro
Per accogliermi tra
Le tue braccia

Dove comprare il libro online 

Questi i principali store online dove acquistare il libro cartaceo o la versione Ebook o pdf

Amazon.it
IBS
IN MONDADORI store online
La Feltrinelli store online
Libreria RIZZOLI
HOEPLI online
Youcanprint

Apple Ibook Store  – direttamente sul vostro Iphone/Ipad

Volete ricevere a casa questo libro con una dedica personale scritta per voi dall’autore?

Potete farlo direttamente da questa pagina

Il prezzo da pagare comprese le spese di spedizione in Italia è di €20,00

Tempo di consegna previsto a mezzo raccomandata/piego di libri – 3 giorni lavorativi

You want to receive at home this book with a personal dedication just for you, handwritten by the author?

The price to pay including delivery costs is €25,00 in all Europe

Delivery time by registered mail is 10 working days

You can pay directly from the link below / Puoi pagare direttamente tramite il link qui sotto

Remember to enter: Surname,name and address / Ricorda di inserire : Cognome, nome e indirizzo

https://paypal.me/abreathofwind