News

La scelta civica di Scelta Civica a favore di Renzi!

sceltacivica2Il termine “trasformismo” in politica nasce nel lontano 1882 sotto il governo Depetris, il quale premier della Sinistra liberale rivolse un appello agli esponenti più progressisti della Destra affinchè si avvicinassero alle posizioni della Sinistra per dar vita a un nuovo schieramento centrista.
Sono passati da quel tempo più di 130 anni ma questo termine è oggi più che mai attuale grazie non tanto al recente passaggio armi e bagagli di otto parlamentari di Scelta Civica nelle file del PD di Renzi ( poverini che altro potevano fare per mantenere le loro poltrone ) ma al fatto che in questa legislatura sono già oltre 170 i parlamentari che hanno cambiato casacca in corso d’opera.
Questa vicenda che riguarda gli otto parlamentari di Scelta Civica (Linda Lanzillotta, Gianluca Susta, Alessandro Maran, Pietro Ichino, Ilaria Borletti Buitoni, Irene Tinagli, Carlo Calenda, Stefania Giannini) a cui si è aggiunto anche Benedetto Della Vedova che confluirà nel gruppo misto, ha una certa rilevanza non fosse altro per il fatto che questi 8+1 parlamentari ricoprono incarichi di Governo e istituzionali di tutto rispetto: stiamo parlando infatti di un ministro ( Stefania Giannini ) di un vice ministro ( Carlo Calenda ) di un Vice Presidente del Senato ( Linda Lanzillotta, moglie tra l’altro dell’ex ministro Bassanini – oggi Presidente della Cassa Depositi e Prestiti -) di due sottosegretari ( Benedetto della Vedova e Ilaria Borletti Buitoni ) e di membri all’interno delle Commissioni permanenti ( Irene Tinagli, Pietro Ichino, Gianluca Susta, Alessandro Maran ), per cui appare del tutto chiaro che il passaggio non possa che essere dettato dall’esigenza di mantenere la propria poltrona in considerazione del fatto che Scelta Civica alle ultime elezioni Europee ( quelle per intenderci con cui Renzi si è auto legittimato a governare l’Italia a fronte del 40% dei consensi raccolti dal PD) ha raccolto la miseria di 196.157 voti sui 27 milioni e trecentomila voti espressi dagli italiani con una percentuale pari al 0,71% a livello nazionale (in pratica non esiste più).
I numeri che riguardano quel che resta del partito di Mario Monti (un altro di quelli che avrebbero dovuto cambiare l’Italia) sono mortificanti e recitano che nel 2013 i montiani erano 69, mentre oggi sono rimasti in 25 tra deputati e senatori.
Il premier Renzi che di fatto ha rivolto un invito perentorio a questi parlamentari di passare nelle file del suo partito li ha poi catalogati come soggetti “stabilizzatori” capaci con la loro sensibilità politica di rendere possibile un percorso comune per il bene del paese.
Peccato che nel 2010 pinocchietto Renzi in una puntata di Porta a Porta dichiarava : «È l’ora di finirla con chi viene eletto con i voti di qualcuno e poi passa di là… Vale per tutti, a destra e a sinistra. Se c’è l’astensionismo è anche perché se io prendo e decido di mollare con i miei, è legittimo farlo. Però allora devo anche avere il coraggio di avere rispetto per chi mi ha votato, perchè chi mi ha votato non ha cambiato idea”.
Parole sante! Ma quelli che in allora furono chiamati “responsabili” tra cui i due peones Razzi e Scilipoti che vennero ricoperti di frizzi e lazzi e consacrati al ruolo perenne di “macchietta della politica” oggi sono diventati “stabilizzatori” e non ha più alcuna importanza il fatto che abbiano chiesto (con tanto di programma) e ottenuto dagli italiani un voto per svolgere un determinato mandato parlamentare che oggi viene totalmente e definitivamente stravolto.
Per chi avesse qualche dubbio al riguardo potrebbe essere interessante riguardare la registrazione di quello spezzone di Porta a Porta in cui l’allora aspirante segretario del PD raccontava cosa un politico serio non dovrebbe fare nello svolgimento del mandato affidatogli dagli elettori, peccato che oggi essendo il buon Renzi al governo questa regola elementare non valga più ma anzi sia diventata una scelta civica!

sceltacivica1

sceltacivica6

Informazioni su doubleg ()
Nato a Savona, giornalista e autore, ama viaggiare e non sopporta gli ombrelli. Ha scritto diversi reportage sui Paesi Nordici, soprattutto su Irlanda e Finlandia pubblicandone le relative Guide di viaggio. I suoi libri sono pubblicati da : R.C.S. Libri, Fabbri, Sonzogno, De Vecchi editore, Sperling & Kupfer. - La definizione corretta di giornalista? - ” colui che non si lascia intimidire dal rapporto conflittuale fra stampa e potere “

2 Commenti su La scelta civica di Scelta Civica a favore di Renzi!

  1. lamodavaalmercato // 13 febbraio 2015 alle 20:49 // Rispondi

    …e il peggio deve ancora venire!?!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...