News

Un doppio sospetto

SospettoA Reykjavík, in un appartamento poco distante dal centro, viene rinvenuto il cadavere di un uomo: ha circa trent’anni, indossa una maglietta da donna e giace in una pozza di sangue con la gola tagliata di netto. Sotto il divano vicino a lui, una pashmina che profuma di spezie.
L’agente Erlendur Sveinsson della polizia di Reykjavík è partito per i fiordi orientali, inseguito da quei fantasmi del passato che lo tormentano incessantemente, e a occuparsi del caso è la collega Elínborg, detective con l’hobby della cucina e madre di tre figli adolescenti, che tra mille difficoltà cerca di destreggiarsi tra il lavoro e la famiglia.
A lei tocca il compito di scavare nelle pieghe della vita apparentemente irreprensibile del giovane ucciso: un buon lavoro, una perfetta forma fisica, un appartamento arredato con gusto.
Le indagini sembrano collegare l’omicidio a una serie di stupri avvenuti in città, mentre un’altra pista, meno scontata, conduce alla misteriosa scomparsa di una diciannovenne svanita nel nulla sei anni prima.
E se invece la chiave del mistero fosse sepolta in un piccolo cimitero sul mare, in un villaggio dell’entroterra dove il tempo si è fermato?
Affidandosi – è il caso di dirlo – al proprio fiuto, Elínborg porta alla luce un’agghiacciante storia di violenza, silenzi e vendetta, che si lascia dietro una scia infinita di vinti e nessun vincitore.

Un doppio sospetto è il nono caso della serie scritta da Arnaldur Indriðason e che vede come protagonista Erlendur Sveinsson, agente della polizia di Reykjavik.
Nel romanzo c’è un colpo di scena iniziale con cui lo scrittore manda l’agente Erlendur Sveinsson in congedo temporaneo, in giro per l’Islanda a cercare di liberarsi dai fantasmi del suo passato, spiazzando di fatto il lettore che dovrà fare a meno della presenza di quello che è stato il protagonista dell’intera serie.
Le indagini sono quindi affidate alla collega Elìnborg, mentre l’altro agente del gruppo, Sigurdur Oli, ha un ruolo del tutto marginale.
La Elinborg risulta simpatica e l’autore entra molto nella sua vita privata, coinvolgendo sia pure marginalmente il marito meccanico e un paio dei suoi tre figli adolescenti.
Ha una passione corposa per la cucina ( tanto che scrive anche libri di ricette ) e in particolare per la cucina indiana e sarà proprio attraverso gli odori ( in particolare quello del tandori ) che riuscirà a trovare gli input giusti per arrivare alla soluzione del caso.
Il filrouge del romanzo è dov’è finita la proprietaria della pashmina?

indridason-fotoArnaldur Indriðason è nato nel 1961 a Reykjavík, dove ha sempre vissuto.
Si è dedicato alla scrittura, sia di romanzi sia di sceneggiature, dopo aver lavorato come giornalista e critico cinematografico per la maggiore testata islandese, il quotidiano Morgunblaðið (Il giornale del mattino).
Arnaldur tra i tanti scrittori nordici si è ritagliato un suo spazio in molti paesi, tra cui l’Italia e si può dire che lo spazio conquistato è più che meritato.
Nel 2009 gli è stato assegnato il Barry Award 2009 per il romanzo “ Un corpo nel lago “, il premio istituito nel 1997 in memoria di Barry Gardner, è stato attribuito allo scrittore islandese durante la consueta Bouchercon ospitata a Indianapolis.

Guanda Editore / Tea Libri

Un doppio sospetto: Un’indagine per l’agente Erlendur Sveinsson (Guanda Noir)

http://www.amazon.it/gp/product/B0064BV0I0/ref=as_li_qf_sp_asin_il_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=23322&creativeASIN=B0064BV0I0&linkCode=as2&tag=giugenblo-21

Informazioni su doubleg ()
Nato a Savona, giornalista e autore, ama viaggiare e non sopporta gli ombrelli. Ha scritto diversi reportage sui Paesi Nordici, soprattutto su Irlanda e Finlandia pubblicandone le relative Guide di viaggio. I suoi libri sono pubblicati da : R.C.S. Libri, Fabbri, Sonzogno, De Vecchi editore, Sperling & Kupfer. - La definizione corretta di giornalista? - ” colui che non si lascia intimidire dal rapporto conflittuale fra stampa e potere “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...